"Insulti per la Meloni? Sti ca...". Pino Insegno zittisce gli haters

Che delusione, Vergognati, Uno schifo . Questi solo alcuni dei messaggi comparsi sui profili social di Pino Insegno. La sua colpa? Aver introdotto il comizio di Giorgia Meloni. Una decisione inaccettabile per tanti presunti democratici, pronti a celebrare le icone della sinistra ma anche a biasimare (e insultare pesantamente) chi osa difendere o sostenere le cause degli altri. Ma gli attacchi ricevuti nelle ultime ore non hanno minimamente scalfito l’attore: Mi criticano perché ho introdotto il comizio della Meloni? Sti ca… . (ilGiornale.it)

Su altre testate

a a (Liberoquotidiano.it)

Pino insegno, parlando con l’Adnkronos, respinge così ai mittenti la pioggia di critiche, alcune a limite dell’insulto, ricevute sui social da quando, ieri sera, ha introdotto il comizio elettorale di Giorgia Meloni a Piazza Popolo a Roma. (Adnkronos)

Pino Insegno replica alle critiche che gli sono piovute addosso dopo la presentazione trionfale di Giorgia Meloni in piazza del Popolo: Mi criticano perché ho introdotto il comizio della Meloni? Sti ca... (Fanpage.it)

Il centrodestra ha chiuso la campagna elettorale per le elezioni politiche di domenica 25 settembre con una manifestazione a Roma. Giovedì sera tutti i leader della coalizione, Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, si sono riuniti in piazza del Popolo per l’ultimo appello ai cittadini prima del voto. (Virgilio Notizie)

Ribadirlo potrebbe sembrare un'ovvietà, ma non in questi giorni. Sui social, è stato il cantante Pupo a intervenire in tale direzione dopo che Giorgia Meloni aveva utilizzato la sua canzone, Su di noi, al comizio di chiusura della campagna elettorale Fdi. (ilGiornale.it)

Continuano i violenti attacchi, non solo sui social, contro Pino Insegno, reo di essere salito sul palco di piazza del Popolo e avere presentato Giorgia Meloni: la colpa del popolare artista è quella di non avere fatto uno spot alla sinistra. (Secolo d'Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr