Maxi scorte tamponi e prenotazioni: «Farmacie pronte per i Green pass». Oltre 350 le sedi nelle Marche. Terza dose, via libera dalla Regione

Maxi scorte tamponi e prenotazioni: «Farmacie pronte per i Green pass». Oltre 350 le sedi nelle Marche. Terza dose, via libera dalla Regione
Corriere Adriatico INTERNO

armacie pronte a reggere l’urto dell’aumento delle richieste di tamponi rapidi.

Licenze guadagnate sul campo, si potrebbe dire, perché negli ultimi 20 giorni sono stati inoculate più di 5.000 dosi

Sono oltre 350 le farmacie marchigiane, ben distribuite su tutto il territorio regionale, ad offrire il servizio del tampone rapido che individua la presenza del virus.

L’attività in crescendo. Nelle farmacie delle Marche, sono stati eseguiti oltre 25.000 tamponi negli ultimi 20 giorni. (Corriere Adriatico)

Ne parlano anche altri giornali

I citati 15 Euro comprendono - oltre la prestazione professionale legata alla somministrazione e al rilascio della certificazione digitale - i costi di approvvigionamento dei test antigenici rapidi, del materiale di consumo, degli oneri logistici e ogni altro onere accessorio. (Gazzetta del Sud)

Quanti lavoratori senza Green pass. In teoria i lavoratori senza vaccino secondo le stime del governo sono attualmente tre milioni. Ecco quanto peserebbe sulle casse dello Stato l’operazione tamponi gratis ai lavoratori che non hanno voluto vaccinarsi finora (Open)

La corsa alle farmacie è quindi la risposta che sta andando in scena in questi giorni in tutta Italia. Farmacie prese d’assalto per fare i tamponi. (L'Arena)

Da venerdì obbligo di green pass, in provincia è corsa ai tamponi

La normativa vigente e le disposizioni non includono le parafarmacie tra i centri abilitati all'effettuazione dei test rapidi finalizzati allo screening sul SARS-CoV-2, ma solo le farmacie aperte al pubblico e le strutture sanitarie individuate con lo specifico protocollo d'intesa. (CasertaNews)

Chi non ha prenotato il tampone in tempo, deve mettersi in lista d’attesa e sperare che qualcuno rinunci A due giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass, le farmacie della regione, come del resto di tutta Italia, sono sotto pressione. (Il Piccolo)

Dire che per l’entrata in vigore del green pass obbligatorio sui luoghi di lavoro, da venerdì, sia tutto chiaro, non corrisponde proprio al vero. Aziende e privati ancora ieri erano alle prese con i quesiti sulla privacy, su chi dovrà assumersi l’onere «pratico» di controllare, su come evitare assembramenti e (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr