AstraZeneca e trombosi, news Aifa: cosa cambia in Italia

AstraZeneca e trombosi, news Aifa: cosa cambia in Italia
Yahoo Finanza SALUTE

Dal punto di vista biologico, il cane e il lupo sono la stessa specie e in determinate circostanze possono accoppiarsi e generare ibridi fertili.

Il cane domestico è il risultato di una forte selezione attuata dall’uomo e di millenni di isolamento riproduttivo dal lupo.

I risultati dello studio evidenziano quanto sia fondamentale non ignorare il fenomeno e mettere in campo tutte le migliori competenze e capacità gestionali per preservare l’integrità genetica del lupo

Adnkronos. (Yahoo Finanza)

Se ne è parlato anche su altre testate

Tempo di lettura (Quotidiano del Sud)

E’ stata fatta una review dei 79 casi di trombosi e nessuno si è verificato nella seconda vaccinazione. Lo ha detto a Sky TG24 Giorgio Palù, presidente dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), dopo la raccomandazione del ministero della Salute sull’utilizzo del vaccino anglo-svedese agli over 60. (Reportage online)

Un evento rarissimo. Il vaccino anti-Covid-19 sviluppato da AstraZeneca può provocare dei gravi effetti avversi letali che non sono stati rilevati in fase di studi clinici. (Sputnik Italia)

Coronavirus – Aifa, vaccino AstraZeneca a Over 60. Ok alla seconda dose

I vaccinati con AstraZeneca avrebbero sulla base dei dati riportati una possibilità su 100mila di sviluppare una trombosi rara con prognosi grave. A detta del presidente di Aifa, "ancora non si sa se i casi di trombosi venosa cerebrale sono legati alla genetica (Yahoo Eurosport IT)

La Commissione sottolinea che "al momento non esistono dati sul rischio correlato alla seconda dose in quanto al momento essa è stata somministrata solo ad un numero limitato di soggetti". Questo l'aggiornamento delle raccomandazioni annunciato ieri sera in conferenza stampa dal direttore generale della prevenzione della Salute Giovanni Rezza e contenute nella circolare che riporta il parere della Cts dell'Aifa. (Farmacista33)

Una raccomandazione che non bloccherà la somministrazione dell’AstraZeneca a chi ha già ricevuto la prima dose, permettendo il completamento del ciclo vaccinale con lo stesso vaccino. Il Cts ha infatti ribadito che l’associazione tra il vaccino Vaxzevria casi di tromboembolismi anche gravi sono eventi rarissimi e che, a oggi, riguardano la popolazione prevalentemente femminile con età inferiore ai 60 anni. (Liguria Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr