Green pass obbligatorio al via da domani, nessuna proroga

Green pass obbligatorio al via da domani, nessuna proroga
Adnkronos ESTERI

PORTUALI DI TRIESTE - Se il governo prorogasse al 30 ottobre il via all'obbligo del Green pass, "ci adegueremmo" e "non avrebbe senso domani bloccare il porto"

Lo confermano all'Adnkronos fonti di Palazzo Chigi, escludendo che, come chiesto dai portuali di Trieste, ci sia una proroga al 30 ottobre. Nessuno slittamento, nessun rinvio.

Lo confermano all'Adnkronos fonti di Palazzo Chigi, escludendo che, come chiesto dai portuali di Trieste, ci sia una proroga al 30 ottobre, per prendere del tempo e convenire su nuove soluzioni. (Adnkronos)

La notizia riportata su altre testate

Le proteste sono iniziate nella prima mattinata e, già intorno alle 8.30, si era formato un muro di persone che hanno bloccato l’accesso ad alcuni mezzi pesanti Milano, 15 ott. (LaPresse)

Il lavoratore che dichiari il possesso del Green pass ma non sia in grado di esibirlo deve essere considerato assente ingiustificato e non può in alcun modo essere adibito a modalità di lavoro agile Green pass Italia obbligatorio anche al lavoro da domani, 15 ottobre. (Adnkronos)

– I clienti non sono tenuti a verificare il Green Pass dei tassisti o dei conducenti di Ncc. PARRUCCHIERI ED ESTETISTI DEVONO CONTROLLARE IL GREEN PASS AI CLIENTI? Dunque anche se il Green pass dovesse scadere durante le lezioni, il professore non dovrà essere allontanato. (Salernonotizie.it)

Green Pass, cosa rischia da domani chi non ce l’ha: le nuove regole dal 15 ottobre

PENALIZZAZIONI E SANZIONI: Chi non ha il pass deve essere allontanato e ogni giorno di mancato servizio è considerato assenza ingiustificata. Anche il titolare dell’azienda è tenuto ad avere il Green pass, e la verifica verrà effettuata dal soggetto individuato per i controlli all’interno dell’azienda. (La Sicilia)

Green pass obbligatorio: assenze e sostituzioni. I lavoratori del pubblico o del privato senza il green pass obbligatorio saranno considerati assenti ingiustificati e lasciati senza stipendio fino a quando non presenteranno il certificato verde. (The Wam)

Nel settore privato, dove in teoria è ancora possibile uno smart working del 100%, un dipendente potrebbe ancora lavorare senza green pass Colui che non possiede il green pass è soggetto anche a una sanzione amministrativa che va da 600 a 1.500 euro. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr