NBA, quando l’11 settembre fece saltare Kevin Garnett e i Timberwolves a Pesaro

NBA, quando l’11 settembre fece saltare Kevin Garnett e i Timberwolves a Pesaro
Sky Sport SPORT

E tra le tante conseguenze che hanno avuto — seppur certamente trascurabili rispetto a quanto accaduto quel tragico giorno — ce n’è una che ha coinvolto anche il nostro Paese e una partita con una squadra NBA che non si è mai disputata.

Venti anni fa i tragici fatti delle Torri Gemelle ebbero la conseguenza di cancellare l’amichevole prevista a Pesaro tra la squadra di casa, la Scavolini, e i Minnesota Timberwolves di Kevin Garnett, che era già stato in città per girare uno spot promozionale. (Sky Sport)

La notizia riportata su altre testate

I Boston Celtics del titolo 2008 sono visti come l’inizio dell’era dei superteam in NBA, ossia dall’esatto momento in cui Kevin Garnett e Ray Allen si sono uniti a Paul Pierce durante l’estate 2007. Quindi tutte queste cose dovevano essere allineate, mentre oggi i ragazzi si parlano tra di loro decidendo dove andare a giocare. (NbaReligion)

Dopo che si sono disputate il 50% delle gare previste per questa fase a gironi della Supercoppa italiana, si può trarre un primo bilancio della preparazione delle squadre al campionato, che comincerà con l'anticipo di Napoli-Milano del 25 settembre (Pianetabasket.com)

| Decisamente più leggero il discorso di Pierce, che ha raccontato di quando si presentò in hangover a un allenamento (“Rivers mi mandò a casa, quella sera ne feci 30”) e di quando saltò fuori da un taxi insieme a Kevin Garnett (presente con lui sul palco) per non pagare. (Sky Sport)

NBA, Hall of Fame: il discorso di Toni Kukoc

Dopo la classica consegna delle giacche arancioni, riviviamo le loro carriere attraverso i numeri più significativi e i riconoscimenti più importanti Sono entrate leggende NBA del calibro di Paul Pierce, Chris Bosh, Chris Webber, Ben Wallace, Toni Kukoc ma anche allenatori come Rick Adelman e Bill Russell e stelle WNBA come Lauren Jackson e Yolanda Griffith. (Sky Sport)

Nel 2017 parlai con tanti medici e mi dissero che quella decisione (il ritiro, ndr) era la migliore per la vita di Chris Bosh Queste le parole di Riley rilasciate a Sun Sentinel:. “Sono orgoglioso che Chris Bosh abbia scelto me per presentarlo. (NbaReligion)

Toni Kukoc nella notte si è presentato sul palco della Hall of Fame, accompagnato da Michael Jordan e Jerry Reinsdorf. La mia carriera è stata caratterizzata da due squadre e due città. (NbaReligion)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr