La TV CrossMediale

La TV CrossMediale
Telemia SALUTE

Le tre varianti del coronavirus più diffuse in Europa aumentano il rischio di ricovero, nei reparti Covid e in terapia intensiva, anche fra i più giovani (sotto i 60 anni).

La ricerca è pubblicata su “Eurosurveillance”, la rivista scientifica del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Condividi Con. Pinterest Linkedin VK email Print

Lo indicano i dati relativi alla variante inglese, sudafricana e brasiliana, analizzati in sette Paesi europei, compresa l’Italia. (Telemia)

Su altre testate

Fra gli strumenti utili in questa fase dell'epidemia, nella quale giocano un ruolo anche le varianti, gli autori della ricerca indicano i test diagnostici e la tracciabilità come misure cruciali per ridurre la diffusione del virus. (leggo.it)

Sono 5.948 i nuovi casi di infezione da Sars-Cov-2 diagnosticati in Italia nelle ultime 24 ore, il dato più basso dal 13 ottobre, a fronte di 121.829 tamponi effettuati, di cui 44.490 test antigenici rapidi. (Il Fatto Quotidiano)

La variante brasiliana è stata riscontrata soprattutto nella fascia 40-59 anni (30,7%) e sotto i 19 anni (22,4%). Indiana, Brasiliana, Inglese, uno STUDIO rivela perché Sono più Pericolose Anche per i Giovani. (iLMeteo.it)

Le varianti Covid più diffuse aumentano il ricovero dei più giovani? Cosa dice il recente studio Ue

Negli ospedali del Veneto sono ricoverate 1201 (-7) persone in area non critica, 889 delle quali ancora positive, e 182 (-1) in terapia intensiva, di cui 31 ora negativizzate. Negli ospedali di comunità veronesi infine risultano ricoverati 25 pazienti positivi: 9 a Bovolone e 16 a Bussolengo (VeronaSera)

Invece il ricovero in terapia intensiva era molto più probabile per la fascia tra 40 e 59 anni. Uno studio europeo condotto su 7 nazioni, Italia compresa, conferma che le varianti Covid non solo sono più pericolose, ma lo sono anche per i giovani. (Il Sussidiario.net)

I casi VOC erano correlati nella maggior parte dei casi a delle ospedalizzazioni. I casi VOC sono stati così comparati con quelli non-VOC. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr