Morto un operaio a Lecce: aveva 72 anni e lavorava ancora in cantiere

Morto un operaio a Lecce: aveva 72 anni e lavorava ancora in cantiere
Agenzia askanews INTERNO

Ma il caso ha provocato forti reazioni per l’età dell’operaio, che lavorava ancora in un cantiere a 72 anni.“Oggi, l’ennesima vittima del tragico bollettino di guerra dei morti sul lavoro è un operaio precipitato all’interno di un cantiere.

Martedì 21 giugno 2022 - 18:21. Morto un operaio a Lecce: aveva 72 anni e lavorava ancora in cantiere. E' caduto nel vuoto mentre lavorava ad una ristrutturazione edilizia. (Agenzia askanews)

Ne parlano anche altre fonti

– Precipita durante alcuni lavori di ristrutturazione e muore in ospedale. L’ennesimo incidente sul lavoro mortale in provincia di Lecce si è verificato nel centro del capoluogo salentino, a pochi passi da piazza Mazzini, ed è costato la vita ad un uomo di 72 anni, originario della provincia di Taranto. (Corriere Salentino)

Secondo la segretaria generale della Cgil Lecce, Valentina Fragassi “gli assegni pensionistici per molti cittadini della provincia di Lecce sono tra i più bassi d'Italia Operaio di 72 anni muore in cantiere a Lecce: “Costretto a lavorare perché la pensione non bastava” Un operaio di 72 anni è morto dopo essere caduto da un ponteggio a Lecce. (Fanpage.it)

Quello Stato che continua ad applicare una politica di austerità solo nei confronti dei poveri cittadini A queste morti va assegnato il nome più appropriato: morti di Stato. (La Voce di Manduria)

Lecce, operaio 72enne cade da un'altezza di 5 metri mentre installa montacarichi: morto in ospedale

Il cordoglio della città. Mastro Donato era molto conosciuto e apprezzato dalla comunità di Avetrana, il parroco della sua parrocchia Don Daniele Giangrande, una volta appresa la notizia, ha dichiarato: “La tragica notizia della scomparsa improvvisa di Donato Marti ha procurato tanta tristezza nei nostri cuori. (Yahoo Notizie)

In tutto, in questo territorio, si contano già quattro morti dall’inizio dell’anno e altri tre incidenti gravi nello stesso periodo. – Donato Marti, morto sul lavoro in mattinata a Lecce, è la terza vittima che si registra in tutta la provincia nel giro di soli 50 giorni, dopo i casi di Salve (4 maggio) e Soleto (13 giugno). (TeleRama News)

È necessario intensificare i controlli e inasprire le sanzioni ma bisogna soprattutto rafforzare la formazione e investire nella cultura della prevenzione. Per la rappresentante sindacale, «è inaccettabile la scia di sangue che sta investendo la provincia di Lecce con l’ennesimo incidente mortale in un cantiere edile. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr