‘Bella ciao’ non va imposta per legge

Quotidiano.net INTERNO

Francesco. Ghidetti. Proposta di legge di Pd, Iv e LeU: far eseguire il 25 aprile, Festa della Liberazione, Bella ciao dopo l’inno nazionale perché rappresenta i "valori fondanti" della Repubblica.

Le sue origini si perdono nella storia, ma le sue arie, già a metà Ottocento, erano note.

Certo, la simbologia è importante, ma la cultura popolare, che ama Bella ciao lo è di più

Una canzone allegra, di ritmo, anche se narra la storia di un combattente per la libertà che sta per essere ucciso. (Quotidiano.net)

Se ne è parlato anche su altri media

Dopo Ius soli, voto ai sedicenni, tassa di successione e ddl Zan, arriva pure il riconoscimento come inno ufficiale di Bella Ciao. Pd, M5s, Leu e Italia Viva hanno infatti depositato alla Camera una proposta di legge per promuovere Bella Ciao come “inno istituzionale” del 25 aprile, da eseguire dopo l’inno di Mameli nelle celebrazioni ufficiali della Festa della Liberazione. (Nicola Porro)

“Fosse per me Bella Ciao sostituirebbe addirittura l’Inno di Mameli, intanto perché più bella; inoltre perché è veramente una canzone della Repubblica italiana nata dalla resistenza anti fascista; infine perché è un inno alla libertà, adottato in tutto il mondo e cantato in più lingue”. (Cremonaoggi)

"Fosse per me Bella Ciao sostituirebbe addirittura l'Inno di Mameli, intanto perché più bella; inoltre perché è veramente una canzone della Repubblica italiana nata dalla resistenza anti fascista; infine perché è un inno alla libertà, adottato in tutto il mondo e cantato in più lingue". (Adnkronos)

Il delirio di Vauro: "Ecco con cosa va sostituito l'Inno nazionale"

Nella proposta si chiede che “Bella Ciao” «sia eseguita, dopo l’inno nazionale, in occasione delle cerimonie ufficiali per i festeggiamenti del 25 aprile, anniversario della Liberazione. (La Gazzetta di Reggio)

Bella ciao” fu, per così dire, “portata al successo” dal Partito comunista nel primo dopoguerra e non c’è nulla di male in tutto ciò. Ne è prova il fatto che, ogni volta che si sente cantare “Bella ciao”, la Destra si inalbera e imbizzarrisce come i cavalli di frau Blucher in Frankenstein junior (Il Sussidiario.net)

È la sinistra che, per provare ad esistere, non sa più cosa inventarsi Sarei infatti felice di aver dimostrato che FdI è un partito anti fascista. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr