Farmaco Alzheimer: ricadute forse miliardarie in Svizzera

Farmaco Alzheimer: ricadute forse miliardarie in Svizzera
Altri dettagli:
tvsvizzera.it SALUTE

Poiché i farmaci raramente arrivano alla maturità del mercato il caso dell'Aducanumab potrebbe rivelarsi come una vincita al lotto

Secondo l'associazione i pazienti si vedono costretti a pagare un prezzo esorbitante per un farmaco la cui efficacia non è stata provata.

Dai laboratori di Biogen - e dell'Università di Zurigo - è uscito un farmaco potenzialmente in grado di incidere notevolmente sul sistema sanitario. (tvsvizzera.it)

La notizia riportata su altre testate

Si tratta del primo trattamento che interessa il decorso e non si limita ad aggredire i sintomi della demenza. Quello di una terapia per l’Alzheimer negli ultimi anni è apparso come il ‘sacro Graal’ della medicina. (Momento Italia)

Si tratta del primo trattamento che interessa il corso della malattia e non si limita ad aggredire i sintomi della demenza. Una malattia su cui si accendono nuove speranze con l’approvazione di oggi dell’Fda americana dell’Aduhelm, primo farmaco approvato addirittura dal 2003. (Gazzetta del Sud)

Gli investitori non pensavano che le azioni Biogen valessero un premio più elevato prima dell’approvazione dell’aducanumab. In conclusione: potrebbe valere la pena aspettare che il prezzo delle azioni BIIB scenda prima di comprare. (Invezz)

Alzheimer, primo farmaco approvato dopo 20 anni alzheimer

“Le ricerche dimostrano che la prima formazione della proteina amiloide avviene addirittura 19 anni prima dei sintomi clinici” Una storia tormentata. Aducanumab è il primo farmaco approvato per la malattia d’Alzheimer da diciotto anni a questa parte. (AboutPharma)

Da lì la valutazione dei dati raccolti da parte dell’Fda che, dopo aver rigettato la richiesta già nel novembre scorso, ora sembra favorevole all’utilizzo del primo farmaco per Alzheimer dopo 20 anni. Dopo quasi 20 anni di studio, il primo farmaco contro l’Alzhemeir viene ufficialmente approvato dall’Fda americana. (Open)

Poiché i farmaci raramente arrivano alla maturità del mercato il caso dell'Aducanumab potrebbe rivelarsi come una vincita al lotto Interpellata dal Tages-Anzeiger Helsana spiega che il trattamento concernerebbe molti pazienti che potrebbero ricevere il farmaco per anni. (Bluewin)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr