Mihajlovic show nel finale dei Soliti ignoti, ma perde: “Ci sono rimasto male”

Mihajlovic show nel finale dei Soliti ignoti, ma perde: “Ci sono rimasto male”
La Gazzetta dello Sport CULTURA E SPETTACOLO

Il tecnico del Bologna è stato ospite della trasmissione Rai "I soliti ignoti" parlando della malattia e giocando con Amadeus.

Sinisa sbaglia l’ultima scelta e perde 21 mila euro da dare in beneficienza

(La Gazzetta dello Sport)

Su altri media

Ospite di Amadeus, il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic ha partecipato come concorrente nel gioco di Rai Uno. Nessuno è perfetto". vedi letture. Simpatico siparietto andato in scena ieri nella trasmissione "I Soliti Ignoti". (TUTTO mercato WEB)

Probabile formazione Bologna (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Danilo, Soumaoro, Tomiyasu; Poli, Svanberg; Skov Olsen, Soriano, Barrow; Palacio Tra i pali ci sarà Skorupski, e a far muro davanti a lui la difesa a quattro formata dall’ex terzino viola De Silvestri, i centrali Danilo e Soumaoro e, sull’altra fascia, il recuperato Tomiyasu, che era stato assente per alcune settimane a causa di infortunio muscolare. (fiorentinanews.com)

Leggi anche:. DE ROSSI: ECCO IL NUOVO TATUAGGIO CON DEDICA AL PAPA’ ALBERTO Nel corso della puntata, il conduttore ha chiesto ad uno degli ignoti quale fosse la sua fede calcistica e alla risposta “Roma”, il mister rossoblù ha risposto: “Vabbè, nessuno è perfetto dai”. (RomaNews)

Mihajlovic a I Soliti Ignoti: “Ero più morto che vivo. Ma io non ho mai mollato”

L'attuale allenatore del Bologna ed ex difensore della Lazio è stato ospite del programma condotto da Amadeus su Rai 1. CLICCA PER IL VIDEO (7:20/7:45). Çalhanoğlu e Hernandez regalano la vittoria al Milan, Benevento nei guai. (La Lazio Siamo Noi)

Il programma, infatti, si è guadagnato la prima prima serata in almeno tre appuntamenti di sabato in prima serata: l’8, il 15 e il 22 di maggio. Amadeus sbarca in prima serata con Soliti Ignoti: “Oltre le più rosee aspettative”. (Lanostratv)

Mihajlovic menziona i "dottori bravi", fa ironia quando riconosce che vent'anni fa avrebbe avuto poche opportunità per raccontarsi ancora come oggi e poi fa una raccomandanzione Ero più morto che vivo, però avevo fatto una promessa ai ragazzi (voleva essere in panchina, ndr) e l’ho mantenuta. (Sport Fanpage)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr