Lega, salta il “congresso”: troppi militanti senza il Green Pass

Lega, salta il “congresso”: troppi militanti senza il Green Pass
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Dopo il danno, la beffa.

L’approvazione del Super green pass non ha provocato solo uno sconquasso nella Lega, sempre più spaccata tra Matteo Salvini e i governatori del Nord.

Ieri ha mietuto un’altra vittima nel Carroccio: l’assemblea programmatica convocata da Salvini per l’11 e 12 dicembre non si farà.

Rinviata a data da destinarsi

(Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altri giornali

Alla fine una telefonata tra Mario Draghi e Matteo Salvini avrebbe convinto i leghisti a evitare lo strappo Fatto sta che nonostante la sua contrarietà al super green pass, la stretta è puntualmente arrivata: l’ennesimo boccone amaro per lui da quando è nato il governo Draghi. (Money.it)

Così il leader del Carroccio a margine degli 'Stati Generali dei Consulenti del Lavoro' a Roma. L’assemblea programmatica della Lega “la faremo a gennaio quando spero questa ondata sarà alle spalle”. Sarebbe stata una mancanza di rispetto”, ha concluso il leader della Lega (LaPresse)

Ufficialmente la decisione, secondo fonti parlamentari leghiste, sarebbe legata proprio alla difficoltà di organizzare una riunione con un migliaio di partecipanti nel momento in cui il governo ha deciso per un’ulteriore stretta sul certificato verde. (LA NOTIZIA)

Rischio assembramento e nuovo super green pass: salta l’assemblea programmatica della Lega

Roma, 25 nov – Salvini “accerchiato” dai suoi governatori e da Draghi alla fine ha ceduto: il super green pass con le restrizioni per i non vaccinati fin dalla zona bianca è stato approvato all’unanimità, Lega compresa. (Il Primato Nazionale)

L’unanimità alla fine si è ottenuta, ma non è stata una passeggiata. Giancarlo Giorgetti durante il Consiglio dei ministri ha espresso le perplessità della Lega sull’adozione del super Green Pass anche in zona bianca. (La Stampa)

Ma c’è anche una lettura più maliziosa, che ambienti della Lega non confermano e anzi respingono come pretestuosa, che vede nell’annullamento una scelta obbligata alla luce di una fetta di esponenti del partito, difficile da quantificare, che non sarebbe in condizioni di mostrare un super green pass. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr