Ricarica auto elettriche a rischio in Gran Bretagna

Virgilio Motori ECONOMIA

editato in: da. La tenuta della rete di distribuzione di corrente elettrica in Gran Bretagna è messa a rischio dalla ricarica di milioni di veicoli a zero emissioni in contemporanea, il pericolo di black-out in alcune parti del Regno Unito infatti sarebbe molto alto.

Le operazioni di ricarica di veicoli elettrici dovrebbero essere semplici, economiche e comode per tutti, a prescindere dal luogo in cui vivono o altri fattori. (Virgilio Motori)

Su altre testate

[Notizie in tempo reale su notiziediprato.it] (notiziediprato.it)

«L’installazione di colonnine elettriche nelle zone più strategiche della città – sottolinea il sindaco Raffaele Cucchi – offrirà ai cittadini servizi sempre più puntuali che rispondano alle nuove esigenze date dei cambiamenti di consumo in corso. (LegnanoNews.it)

150 colonnine di ricarica “invisibili” per i londinesi. (Rinnovabili.it) – La colonnine di ricarica auto? A darne notizia è la stessa Trojan Energy, annunciando l’installazione delle prime 5 unità in Mortimer Road, nel quartiere londinese di Brent (Rinnovabili)

La lamentela principale e più comune degli utenti "elettrici" è quella dei disservizi dovuti a colonnine vandalizzate, bloccate, in manutenzione o non funzionanti Usando termini familiari e non paroloni nuovi e ancora poco diffusi, GasGas esemplifica con il nome la volontà di rendere semplice la transizione. (HDmotori)

3 mila euro il supporto per gli acquisti di auto a benzina, 4mila per le ibride, 5mila per le elettriche. Gli ecoincentivi spingono gli acquisti di auto ibride ed elettriche. In FVG le colonnine per la ricarica dalle attuali trecento entro un anno saliranno a mille. (TGR – Rai)

E nella prima metà del 2021 hanno confermato il rispettivo ottimo stato di salute. E quanto, in previsione, inciderà una sempre maggiore potenza richiesta alle stazioni di ricarica per sopperire alle necessità essenziali di spostamento (appunto: autonomia e tempi brevi di allaccio alla rete)? (Autoblog)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr