Il Governo dirà sì al Ponte sullo Stretto ma a 3 campate?

Il Governo dirà sì al Ponte sullo Stretto ma a 3 campate?
Gazzetta del Sud INTERNO

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

Il riferimento era alle vicende del Ponte sullo Stretto di Messina.

Ma la novità più clamorosa potrebbe essere la scelta del Governo di orientarsi verso la soluzione del Ponte a tre campate, non quello a campata unica che era stata oggetto della precedente gara d’appalto, aggiudicata al Consorzio Eurolink quale General Contractor. (Gazzetta del Sud)

Su altre fonti

Roma, 5 mag. “Forza Italia – spiegano fonti del partito azzurro – apprezza il deciso cambio di passo rispetto ai provvedimenti del passato, ma incalzerà il governo e la maggioranza perché proceda rapidamente ad una indifferibile riforma del fisco, che peraltro è tra quelle richieste dall’Unione europea, coi decreti per la Semplificazione che consentano di mettere a terra in tempo i progetti finanziati col Pnrr e chiede che le opere da realizzare sia inserito il Ponte sullo Stretto” (LaPresse)

Questo perché prevede circa 100mila passaggi al giorno per poter essere remunerato da parte di chi l’ha costruito. Io non ci posso credere, ma si ritorna a parlare del ponte sullo Stretto di Messina. (Radio Radio)

Le ricerche si sono svolte a Messina e Lodi, ultimi domicili del nucleo familiare del ricercato, e contestualmente sono stati attivati i canali di cooperazione internazionale per l’esecuzione del provvedimento all’estero, dove il destinatario si sarebbe trasferito dal 2016 per svolgere quella che la Convenzione di Ginevra del 12 agosto 1949 definisce attività di “combattente illegittimo” (LaPresse)

Ponte sullo Stretto, a Villa San Giovanni dal 7 maggio discussione sugli esiti della commissione ministeriale

Preferite, secondo quanto risulta al quotidiano, ad altre come il tunnel flottante e soprattutto il tunnel subalveo — cioè sotto il fondale dello Stretto — che necessiterebbe di gallerie di ingresso troppo lunghe Ed è pronto a consegnare la relazione al premier Draghi. (Today.it)

Dunque, a detta di Carfagna, «serve un patto politico che regga non solo in questa legislatura ma anche nella prossima e magari anche per la successiva, per consentire a quest’opera di essere avviata, completata, inaugurata e consegnata al Mezzogiorno», ha concluso Così il ministro del Sud Mara Carfagna, nel corso di una conferenza stampa con le emittenti televisive locali delle regioni del Sud. (La Sicilia)

Sulle novità relative al ponte sullo Stretto interviene il senatore forzista Marco Siclari ricordano che la «conclusione dei lavori della commissione ministeriale sui progetti per il Ponte sullo Stretto è un punto di partenza importante per il dibattito che prende le mosse da Villa San Giovanni, città simbolo del Ponte, il prossimo 7 maggio alle ore 10.00 e dove parteciperanno i rappresentanti di tutte le forze politiche». (Il Reggino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr