Bce, cosa c'è dietro il silenzio di falchi e colombe

Bce, cosa c'è dietro il silenzio di falchi e colombe
La Repubblica ECONOMIA

Dietro questo silenzio si nasconde una profonda differenza di opinione tra i falchi e le colombe.

Durante questo trimestre, i rendimenti Emu sono comunque saliti ulteriormente, ma questa volta il driver principale è stato un miglioramento delle aspettative di crescita nominale europea.

Questo è stato probabilmente anche il motivo per cui la Bce è rimasta in silenzio.

La decisione di allora era stata guidata dalla necessità di smorzare la pressione al rialzo sui rendimenti Emu esercitata dalle aspettative di reflazione degli Stati Uniti (La Repubblica)

La notizia riportata su altri giornali

editato in: da. La BCE si conferma fortemente accomodante e Christine Lagarde una colomba. Un accenno anche alla necessita di mantenere politiche fiscali “ambiziose e coordinate”, poiché ” un ritiro prematuro dei sostegni rischierebbe di indebolire la ripresa e di amplificare gli effetti nel lungo termine”. (QuiFinanza)

Se la BCE è in grado di ridurre il ritmo dei suoi acquisti a settembre, potrebbe anche sfruttare questa opportunità per chiarire il futuro dei suoi due programmi di QE, scrivono gli economisti di S&P. L’emissione di obbligazioni dell’UE per finanziare il piano Next Generation potrebbe alleviare questi vincoli, ma per S&P non è chiaro in questa fase quale effetto esatto avrà sui programmi di QE. (QuiFinanza)

13.51 Comunicato BCE “Nella riunione odierna il Consiglio direttivo ha deciso di confermare l’orientamento molto accomodante della sua politica monetaria. 14.36 PEPP Gli acquisti di PEPP continueranno ad essere “significativamente più alti” rispetto a prima nel prossimo trimestre. (Money.it)

Riunione BCE oggi: tassi invariati, tutti gli aggiornamenti in diretta

13.51 Comunicato BCE “Nella riunione odierna il Consiglio direttivo ha deciso di confermare l’orientamento molto accomodante della sua politica monetaria. Infine, il Consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. (Money.it)

A dirlo è stata la presidente della Bce, Christine Lagarde, sottolineando che l'andamento dei prezzi del consumo "resterà sotto il nostro obiettivo nell'orizzonte delle nostre previsioni". La Bce è "leggermente più ottimista" sullo scenario economico "rispetto a tre mesi fa". (AGI - Agenzia Italia)

2' di lettura. L’impatto dell’inflazione è «transitorio» e la mano delle Banche centrali sui mercati resterà «ferma». (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr