Economia mondiale a rischio: tutta «colpa» del Covid in India

Economia mondiale a rischio: tutta «colpa» del Covid in India
Money.it INTERNO

Questo uno degli ultimi bollettini sul Covid in India, paese ormai al collasso tra maxi-assembramenti, varianti domestiche e mancanza di dosi.

Una internazionalizzazione del dramma indiano che secondo The Conversation - network australiano - affonda le sue radici in 4 motivi, perlopiù strutturali.

leggi anche India: situazione covid nera ma presto un nuovo vaccino. 2.

Non a caso la Camera di Commercio USA ha rivelato di recente che la crisi indiana potrebbe diventare “una seccatura per l’economia globale”

L’India è la quinta economia del mondo. (Money.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Ieri in consiglio comunale a Firenze ha esposto il caso il consigliere Alessandro Draghi: "La mia angoscia è che questa situazione venga dimenticata a breve Le cure domiciliari non le posso chiaramente fare perché siamo in albergo. (LA NAZIONE)

Nuova Delhi (India), 4 mag. (LaPresse)

Lo ha reso noto il ministero della Salute, precisando che nelle ultime 24 ore i nuovi contagi sono stati 11.394, per un totale generale di 3.005.259. I numeri della pandemia Coronavirus, oltre 152 milioni di casi nel mondo. (Rai News)

Covid, i numeri impietosi dell'India

Un’onda che sembra sommergere il gigante da 1,3 miliardi di abitanti, il cui sistema sanitario appare da tempo vulnerato da problemi atavici. Nel Paese sono state somministrate soltanto 157 milioni di dosi, di cui 1,2 milioni nelle ultime 24 ore. (Avvenire)

Nel mentre, New York riparte: 80 mila dipendenti municipali tornano in ufficio Condividi:. Sono oltre 152 milioni i casi di Covid-19 registrati a livello globale, secondo i dati della Johns Hopkins University, con oltre 3 milioni di vittime. (Sky Tg24 )

I numeri sono impietosi e certificano un ennesimo record, 3’689 vittime in appena 24 ore. Ma il problema è che mancano le dosi: un paradosso, in un Paese che è il più grande produttore al mondo (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr