La Bce lascia fermi i tassi di interesse. Lagarde: "Una stretta creerebbe rischi"

La Bce lascia fermi i tassi di interesse. Lagarde: Una stretta creerebbe rischi
Rai News ECONOMIA

Lagarde: "Una stretta creerebbe rischi" Inflazione euro attesa a +1,9% nel 2021, +1,5% nel 2022, +1,4% nel 2023. Condividi. Nessun cambiamento di rotta per la Bce.

Riunito il Consiglio direttivo della Banca centrale europea La Bce lascia fermi i tassi di interesse.

Per l'anno in corso, ha spiegato la presidente Christine Lagarde in conferenza stampa, stima una crescita del 4,6% e per il 2023 del 4,7%. (Rai News)

La notizia riportata su altri media

Ma questo andamento – continua il documento – “assieme ai progressi sul contenimento della pandemia dovrebbe portare a un notevole rimbalzo dal secondo trimestre di quest’anno in poi”. (SardiniaPost)

“Nel quadro – prosegue Bankitalia -, il complesso di queste misure innalza il livello del Pil per circa 4 punti percentuali nel triennio di previsione”, ovvero 2021-2023. Lo scrive l’istituto nelle sue proiezioni macroeconomiche per l’economia italiana. (LaPresse)

Per questi motivi la Bce ha deciso di mantenere una linea di politica monetaria molto accomodante, nonostante la valutazione dei rischi sullo scenario economico sia ora tornata "bilanciata e non più al ribasso", formula che non si vedeva dal dicembre 2018. (Italia Oggi)

Bce: staff, per Eurozona recupero livello Pil pre-pandemia già in primo trim. 2022 - Sardiniapost.it

KEYSTONE/AP Pool/OLIVIER MATTHYS sda-ats. Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2021 - 17:00. Secondo Largarde qualsiasi discussione sull'uscita dal Pepp (il programma di acquisti oer l'emergenza pandemica) è "prematura" e nel consiglio della Bce non se ne è parlato. (tvsvizzera.it)

Secondo Largarde qualsiasi discussione sull'uscita dal Pepp (il programma di acquisti oer l'emergenza pandemica) è «prematura» e nel consiglio della Bce non se ne è parlato. L'istituto ha anche alzato le stime d'inflazione: i nuovi pronostici danno un rincaro all'1,9% per il 2021, all'1,5% per il 2022 e all'1,4% per il 2023 (Bluewin)

PREMUATURA USCITA DA PEPP. Non è ancora il momento di parlare di una “exit strategy dal Pepp perché è troppo presto”. “Il Consiglio direttivo ha approvato all’unanimità la dichiarazione introduttiva mentre c’è stata qualche divergenza su alcuni aspetti analitici, come il ritmo degli acquisti del Pepp”, ha concluso Christine Lagarde (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr