Pil, Gualtieri “Stime migliori delle attese”

Pil, Gualtieri “Stime migliori delle attese”
LiberoQuotidiano.it LiberoQuotidiano.it (Economia)

31 luglio 2020 a. a. a. ROMA (ITALPRESS) – “Le stime diffuse oggi dall’Istat sul Pil del secondo trimestre, pur negative a causa dell’inevitabile impatto della pandemia sui diversi settori produttivi, indicano una flessione meno grave di quanto atteso dalla maggior parte delle previsioni (la stima media era di un ribasso superiore al 15%) e pari a quasi la metà del calo atteso dalle previsioni più negative circolate nelle ultime settimane.

Su altri media

Il Pil italiano nel secondo trimestre 2020 – secondo l’Istat – crolla del 12,4% sul trimestre precedente e del 17,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A certificarlo è il calo del Pil, che, nella stima preliminare dell’Istat, crolla del 12,4% su base congiunturale e del 17,3% su base annua nel secondo trimestre. (Startmag Web magazine)

Ben peggiore si rivela quello americano che sfiora il -33% e trascina in negativo gli indici in apertura. Giornata pesante per tutte le materie prime con il palladio che perde sette punti percentuali ed il petrolio tre dopo una discesa intraday di quasi cinque punti. (Il Cittadino on line)

Il Pil tra aprile e giugno è sprofondato del 12,4%. Istat/Nel giro di tre mesi sono andati in fumo 50 mld di Prodotto interno lordo. . . . . ROMA. (America Oggi)

"Temo che a livello globale le ricadute del Coronavirus saranno drammatiche non per i prossimi mesi ma per i prossimi anni". Si spera che anche questo aiuti a fare riamrtire i consumi - Fotogramma. COMMENTA E CONDIVIDI. (Avvenire)

E d’altra parte i numeri non lasciano scampo: tra aprile e giugno, il Pil italiano è crollato del 12,4% rispetto al trimestre precedente e addirittura del 17,3% a confronto con l’analogo periodo 2019. Sono andati in fumo 50 miliardi di euro, che si sommano a quelli volati via principalmente nel mese di marzo. (QUOTIDIANO.NET)

Economia Gualtieri: calo meno grave delle stime di La ricchezza prodotta in Italia nel secondo trimestre è diminuita di 50 miliardi di euro rispetto ai primi tre mesi del 2020, passando da 406 a 356 miliardi. (Gooruf)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr