Primo maggio blindato a Bologna, previste 13 manifestazioni

Primo maggio blindato a Bologna, previste 13 manifestazioni
il Resto del Carlino INTERNO

È un primo maggio ricchissimo quello di oggi, a Bologna; e ricchissimo è anche il dispositivo di forze dell’ordine discusso in Prefettura e coordinato dalla Questura, che mirerà a evitare disordini e soprattutto a scongiurare violazioni delle norme anti-Covid.

Il punto 1 maggio a Bologna: cosa fare sabato.

Saranno infine coinvolte anche Polstrada e Polfer, incaricate di monitorare gli ingressi su ruota e su rotaie dalle altre città o regioni

Piazza dell’Unità e via Matteotti, in cui si riuniranno rispettivamente Usb e i sindacati di base, sempre alle 10. (il Resto del Carlino)

Su altre fonti

Tutte le iniziative sono state monitorate e seguite dall'imponente dispositivo di ordine e sicurezza pubblica predisposto dalla Questura, che ha previsto l'impiego di circa 300 uomini tra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale. (BolognaToday)

La loro iniziativa, a cui hanno partecipato circa 200 militanti di varie sigle dell’estrema destra arrivati da tutta Italia, si è conclusa poco dopo le 17 ensione, ma nessun incidente. (La Repubblica)

Oggi Bologna celebra la festa dei lavoratori con distanziamento, non più di un centinaio di persone, e senza cortei, ma a differenza dell’anno scorso ci sarà un palco vero, con gli interventi dalle 10 dei tre sindacati confederali: Cgil, Cisl e Uil (La Repubblica)

1 maggio Bologna, sindacati in piazza Maggiore. "Giorno amaro, ma qui c'è il nostro cuore"

Bologna, le manifestazioni del Primo maggio in immagini I sindacati confederali con il sindaco in piazza Maggiore, i migranti in corteo da via Mattei, i sindacati di base in via Matteotti. Insieme al segretario della Cisl Enrico Bassani e della Uil Giuliano Zignani, i sindacati hanno chiesto anche ammortizzatori sociali e percorsi di formazione. (La Repubblica)

"Lottiamo per i diritti dei lavoratori, affinchè non ci siano lavoratori di serie a e fdi serie b", dicono gli organizzatori al megafono. / Facebook Usb Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista. (Il Messaggero)

Soprattutto c’è ancora molto lavoro precario’ e, inoltre, ‘ troppo lavoro, di fatto, nero. Nell’attesa degli interventi, Maurizio Lunghi, segretario generale della Cgil Bologna, ammette che ‘è un Primo Maggio amaro, anche se siamo tornati finalmente in piazza e non era una cosa scontata. (il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr