Il trans Ciro Migliore arrestato per droga: era il fidanzato della ragazza uccisa dal fratello

Il trans Ciro Migliore arrestato per droga: era il fidanzato della ragazza uccisa dal fratello
Il Primato Nazionale INTERNO

Condotta poco affidabile. La morte di Maria Paola Gaglione aveva suscitato un grande clamore mediatico e il solito carrozzone di polemiche sulla presunta transfobia del fratello.

In totale, sono state cinquantacinque le misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Napoli, con 40 arresti: tra questi, appunto, il giovane Ciro Migliore

Per Migliore sono scattate le manette all’alba, nel corso di un blitz dei carabinieri al Parco Verde di Caivano (Il Primato Nazionale)

Ne parlano anche altre fonti

Droga a Caserta: sgominata piazza di spaccio. Questa mattina, 23 febbraio, nelle province di Caserta, Napoli e Potenza, i Carabinieri della Compagnia di Caserta hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio G. (Teleclubitalia.it)

Ciro Migliore è stato arrestato questa mattina, accusato di essere uno spacciatore. Intanto, proprio per il fratello di Maria Paola Gaglione si aprirà a breve il processo, con l'udienza preliminare del prossimo 2 marzo (Fanpage.it)

Oggi i militari l'hanno invece arrestato nell'ambito del maxi blitz durante il quale sono state notificate 55 misure cautelari emesse dal Gip di Napoli su richiesta del pubblico ministero Francesco Cirillo, quindi condotto nel carcere femminile di Pozzuoli. (NapoliToday)

Arrestato Ciro, il ragazzo trans fidanzato con la giovane uccisa a Caivano

Sperona e uccide la sorella perché aveva un compagno trans di DARIO DEL PORTO 13 Settembre 2020 di DARIO DEL PORTO. Il fratello di Maria Paola è sotto inchiesta per omicidio preterintenzionale, la famiglia ha respinto le accuse di omotransfobia. (La Repubblica)

Michele Antonio Gaglione ha sempre sostenuto di non avere mai avuto l'intenzione di uccidere la sorella o il suo compagno. La morte di Maria Paola e lo spettro della transfobia. (Leggo.it)

Nello specifico, nei confronti di ventiquattro soggetti è stata disposta la custodia cautelare in carcere, mentre nei confronti di ulteriori sedici soggetti è stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari. (Voce di Napoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr