Festa scudetto Inter e assembramenti. Prefetto di Milano: "Chiudere piazza Duomo? Peggio"

Festa scudetto Inter e assembramenti. Prefetto di Milano: Chiudere piazza Duomo? Peggio
Sky Sport SPORT

Dopo le polemiche seguite alle immagini dei tifosi dell'Inter in giro per Milano e in particolar modo nella zona di piazza Duomo per festeggiare lo scudetto conquistato dalla squadra di Antonio Conte, è intervenuto il prefetto del capoluogo lombardo, Renato Saccone, attraverso una nota.

Abbiamo valutato che chiudere piazza Duomo, spazio urbano ampio e con numerose vie di esodo, sarebbe stato inevitabilmente occasione di ancora più densi e rischiosi assembramenti, sotto ogni profilo"

Il prefetto di Milano Renato Saccone ha risposto alle critiche dopo i festeggiamenti dei tifosi dell'Inter in giro per la città: "Bisogna coniugare le ragioni della prevenzione del contagio con la gestione dell'ordine pubblico. (Sky Sport)

Su altri media

Milano ha ancora un sindaco? La risposta è no. (Calciomercato.com)

Abbiamo valutato che chiudere piazza Duomo, spazio urbano ampio e con numerose vie di esodo, sarebbe stato inevitabilmente occasione di ancora più densi e rischiosi assembramenti, sotto ogni profilo. (Tutto Atalanta)

E' lo scudetto della liberazione, 11 anni dopo l'ultimo con Zhang che festeggia insieme ai dirigenti sul tetto della sede assediata dai tifosi. Corriere della Sera: "Conte ha cambiato la mentalità della squadra". (TUTTO mercato WEB)

L’Inter vince lo scudetto: è campione d’Italia per la diciannovesima volta

Alle parole di Scavuzzo ha prontamente risposto uno dei chiamati in causa, Morelli. "Non è vero che non ci siamo preoccupati di quello che sarebbe potuto succedere domenica. (MilanoToday.it)

"Quando il popolo dei tifosi, in modo assolutamente spontaneo e non organizzato, scende in strada per festeggiare lo scudetto atteso da anni, bisogna necessariamente coniugare le ragioni della prevenzione del contagio con la gestione dell’ordine pubblico e con la tutela della incolumità delle persone. (Fcinternews.it)

Conte contro De Zerbi ripresenta il 3-5-2, abbassando il baricentro di dieci metri e tornando all’antico, il caro, vecchio contropiede Antonio Conte aveva iniziato il fantastico filotto con la Juventus e adesso lo interrompe alla fine di una cavalcata trionfale. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr