Scioglimento di gruppi fascisti: le leggi in vigore

Scioglimento di gruppi fascisti: le leggi in vigore
Altalex INTERNO

1, Sentenza n. 25184 del 04/03/2009), o di sventolare durante l’evento calcistico un drappo tricolore recante nella parte bianca l'emblema del fascio littorio,(Cass

Lo scioglimento a seguito di sentenza. ’. ’. ’. La prima modalità di scioglimento, prevista dall’art.

Il fondamento costituzionale. Il divieto di riorganizzazione del partito fascista, sotto qualsiasi forma è sancito dalla XII disposizione transitoria e finale della Costituzione. (Altalex)

Se ne è parlato anche su altri media

Quali sono i casi di “riorganizzazione del partito fascista”? Il fondamento costituzionale. Il divieto di riorganizzazione del partito fascista, sotto qualsiasi forma è sancito dalla XII disposizione transitoria e finale della Costituzione. (Altalex)

Ma in tutti questi casi i governi si sono mossi dopo che i tribunali hanno riconosciuto la natura illecita di quei movimenti A stabilirlo è una pila così di sentenze e pronunce emesse dai giudici in settant' anni di storia. (LiberoQuotidiano.it)

Avrete letto qualche volta su questo giornale che noi del Riformista siamo sempre stati per l’abolizione di quella legge, come di tutti i reati di opinione. E ci si richiama alla Costituzione che vieta la formazione del partito fascista, e alla legge Scelba, del 1952, che in attuazione della Costituzione decretò il reato di apologia di fascismo. (Il Riformista)

Dalla Scelba alla Mancino, le leggi che applicano la Costituzione per sciogliere i gruppi fascisti

Gli arresti sono già scattati per Roberto Fiore, 62 anni, e Giuliano Castellino, 44 anni, rispettivamente leader nazionale e responsabile romano di Forza Nuova. Poi Provenzano ha corretto il tiro («chieda di sciogliere Forza Nuova») ma è stata altra benzina su un fuoco già molto acceso. (Il Riformista)

Lo confermano vari retroscena secondo cui il premier – all’indomani dell’assalto alla sede della Cgil da parte del movimento neofascista – ha avviato un’istruttoria con giuristi e accademici di fiducia per valutare quale strada legale sia possibile percorrere. (Il Fatto Quotidiano)

La seconda, quasi 20 anni dopo, la legge Mancino del 1993: la norma completa il quadro delle norme che puniscono le condotte riconducibili al fascismo e al razzismo. La Carta, o meglio la sua XII disposizione transitoria, vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr