Torino, il cordoglio della società per la scomparsa di Gigi Simoni

Torino, il cordoglio della società per la scomparsa di Gigi Simoni
Toro News Toro News (Sport)

Il club presieduto da Urbano Cairo ha voluto salutarlo ricordandolo come un amico e definendolo come un vero gentiluomo.

Gigi Simoni è scomparso nelle scorse ore al termine di una lunga malattia.

Ha militato nelle trafile del Torino dapprima come calciatore negli anni Sessanta e poi come allenatore per una breve parentesi negli anni Duemila.

Ne parlano anche altri giornali

E nella città della Lanterna Simoni ha iniziato la carriera di allenatore che lo ha portato in mezza Italia e pure in Bulgaria. Sette promozioni dalla B alla A, promozioni in serie C con Carrarese e Cremonese (La Voce di Mantova)

Massimo Moratti ricorda così al telefono con l'ANSA la figura di Gigi Simoni "tecnico gentiluomo verso il quale - aggiunge l'ex presidente nerazzurro -, provavo grande stima e affetto. - ROMA, 22 MAG - "E' stato un grande protagonista della storia dell'Inter: ha vinto una coppa europea molto importante, gli è stato impedito di vincere un campionato che avrebbe assolutamente meritato". (Tutto Napoli)

Arriva una triste notizia inerente al mondo del calcio: è morto Luigi Simoni all'età di 81 anni. A marzo aveva lasciato la clinica per tornare a casa a causa dell'emergenza coronavirus, ma nelle ultime ore c'è stato un peggioramento delle condizioni e l'immediato ricovero presso l'ospedale di Lucca, dove è arrivato ieri senza speranze di potersi riprendere. (TuttoCalcioPuglia.com)

Di Gigi Simoni viene ricordato soprattutto la sua esperienza sulla panchina dell’Inter. LEGGI ANCHE. Il calcio italiano sull’orlo di una crisi di nervi (per colpa del Coronavirus) (Vanity Fair Italia)

In carriera ha collezionato più di 330 panchine in partite ufficiali, vincendo anche la Coppa Uefa del 1998 con l’Inter. Il 22 giugno del 2019 era stato colpito da un ictus, venendo ricoverato nell’ospedale di Pisa (Giallorossi.net)

Tra queste etichette, Simoni ne ha portate fondamentalmente tre: “uomo di calcio”, “brava persona” e “vittima e vittimista numero uno dell’affaire Iuliano-Ronaldo”. E’ accaduto anche a Gigi Simoni, scomparso in queste ore, uomo fondamentalmente di un calcio fatto di figurine, di tagliandi da staccarsi allo stadio, di radioline e di commenti che duravano fino al lunedì. (juventibus)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti