Covid, la conferma dallo studio USA: “letalità della variante Omicron 91% più bassa rispetto alla Delta”

Covid, la conferma dallo studio USA: “letalità della variante Omicron 91% più bassa rispetto alla Delta”
StrettoWeb INTERNO

Uno studio dell’University of California di Berkeley, pubblicato in pre-print su medRxiv, quindi non ancora convalidato da istituzioni scientifiche, si è occupato di stabilire le differenze rispetto alla variante Delta, meno trasmissibile ma più letale.

13 Gennaio 2022 13:16. Uno studio dell’University of California di Berkeley conferma come la letalità della variante Omicron sia del 91% più bassa rispetto alla variante Delta. (StrettoWeb)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Tedros ha riferito che, a dispetto dell’impennata dei contagi da Omicron, «il numero di decessi segnalati settimanalmente è rimasto stabile dall’ottobre dello scorso anno, con una media di 48’000 decessi a settimana». (Corriere del Ticino)

Tutti i pazienti coinvolti nello studio avevano un'età superiore o uguale ai 20 anni e facevano parte del servizio pubblico. Più nello specifico, hanno confrontato gli esiti clinici di 5.144 pazienti con COVID-19 confermata tra il 14 novembre e l'11 dicembre 2021 (quarta ondata provocata dalla variante Omicron) con quelli di 11.609 pazienti risultati positivi durante le ondate precedenti. (Fanpage.it)

Individuati 5 sintomi causati dalla variante Omicron sui bambini di età inferiore ai 5 anni. Quindi meno ricoveri e meno allerta con Omicron? (Virgilio Notizie)

Covid, lo studio Usa su Omicron: “Rischio di morte fino al 91% in meno rispetto a Delta”

Complessivamente, come riportato anche dal quotidiano Huffingtonpost, sono state analizzati i dati di 52.297 persone infettate con la variante Omicron e 16.982 con Delta. Uno studio dà una risposta definitiva. (iLMeteo.it)

Tuttavia, hanno avvertito, anche se la variante Omicron è meno grave, "gli alti tassi di infezione nella comunità possono sopraffare i sistemi sanitari e potrebbero tradursi in un numero assoluto elevato di ricoveri e decessi" Lo studio statunitense è uno dei primi ad aver confrontato l'andamento dell'infezione "in diretta" su due gruppi di pazienti ammalatisi a dicembre con Omicron o Delta. (Sky Tg24 )

L’analisi è una delle prime a confrontare l’andamento dell’infezione su due gruppi di pazienti ammalatisi a dicembre con Omicron o Delta. In Africa, il primo continente a incontrare la variante, la scorsa settimana si è registrato un aumento dell’84% dei decessi rispetto alla settimana precedente (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr