Puglia, no all'arancione totale (per ora). E la variante va verso il 50%

Puglia, no all'arancione totale (per ora). E la variante va verso il 50%
Quotidiano di Puglia INTERNO

«Le nuove varianti si diffondono velocemente soprattutto tra bambini e ragazzi», ha sottolineato ieri l'assessore regionale alla Salute della Puglia, Pier Luigi Lopalco.

Nell'ultimo studio realizzato la variante inglese è stata individuata nel 38,6% dei campioni, una settimana prima era al 15,5%.

Sull'ipotesi le Regioni ieri si sono divise in Conferenza e la proposta da presentare al governo Draghi potrebbe essere messa da parte. (Quotidiano di Puglia)

Se ne è parlato anche su altri media

Avendo già i vaccini e avendo la possibilità della didattica digitale integrale rischiare la salute – soprattutto di insegnanti e operatori scolastici che per età sono più esposti alle conseguenze del covid – sarebbe irresponsabile. (LecceSette)

Però, visto che dobbiamo vaccinare migliaia e migliaia di persone, io credo che fare un pò di didattica a distanza sia utile per darci il tempo di fare le vaccinazioni. I sindacati, dopo l’accordo sull'ordinanza raggiunto nella tarda serata di ieri con la Regione, hanno revocato lo sciopero indetto per lunedì. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Abruzzo. Anche l'Abruzzo è tra le regioni più colpite dalla circolazione della variante inglese del Covid-19. Si tratta di due settimane di chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, stabilita con una ordinanza regionale. (Fanpage.it)

Protesta "Priorità alla scuola Puglia": Emiliano ritiri immediatamente l'ordinanza"

Le Istituzioni Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, attraverso la procedura predisposta sulla piattaforma www.studioinpuglia. (Grottaglie in rete)

La campagna vaccinale deve andare avanti più velocemente possibile per permettere, nel momento in cui riprenderà la didattica in presenza a pieno ritmo, che gli operatori siano sereni e tranquilli. Essi hanno sino ad oggi consentito la didattica in presenza a chi lo chiedeva, mettendo a rischio la loro vita. (BisceglieViva)

Nessun piano operativo serio è stato reso pubblico affinché si potessero rafforzare i trasporti, i tracciamenti, i tamponi a scuola. I e le rappresentanti della Regione Puglia ritirino l’ultima ordinanza emanata (StatoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr