La svolta green è un libro dei sogni. Meglio investire sulle infrastrutture

La svolta green è un libro dei sogni. Meglio investire sulle infrastrutture
La Stampa La Stampa (Economia)

L'insieme di questi dati ci mostra come tra febbraio e aprile il lavoro sia calato grosso modo di 1/3.

Il dato coincide con quello delle ora lavorate che ad aprile, secondo l’Ocse, erano scese del 28% rispetto a febbraio.

La notizia riportata su altre testate

Carlo Cottarelli prevede che “non riusciremo a recuperare i valori di Pil del dicembre scorso entro fine anno ma, se tutto va bene, ci torneremo forse alla fine del 2021”. In questo modo arriveremo a dicembre con un calo del Pil dell’ordine del -9,5%”. (L'HuffPost)

E d’altra parte i numeri non lasciano scampo: tra aprile e giugno, il Pil italiano è crollato del 12,4% rispetto al trimestre precedente e addirittura del 17,3% a confronto con l’analogo periodo 2019. Sono andati in fumo 50 miliardi di euro, che si sommano a quelli volati via principalmente nel mese di marzo. (QUOTIDIANO.NET)

Il Pil, nel II trimestre, è sceso del 12,4% su base congiunturale e del 17,3% in termini tendenziali. Spagna. La Spagna entra ufficialmente in recessione nel secondo trimestre. (AGI - Agenzia Italia)

31 luglio 2020 a. a. a. ROMA (ITALPRESS) – “Le stime diffuse oggi dall’Istat sul Pil del secondo trimestre, pur negative a causa dell’inevitabile impatto della pandemia sui diversi settori produttivi, indicano una flessione meno grave di quanto atteso dalla maggior parte delle previsioni (la stima media era di un ribasso superiore al 15%) e pari a quasi la metà del calo atteso dalle previsioni più negative circolate nelle ultime settimane. (LiberoQuotidiano.it)

Italia in recessione tecnica. Questi drammatici dati, peggiori di quelli inizialmente previsti, hanno ulteriormente confermato che l’Italia è in recessione tecnica. Nel confronto con il trimestre precedente, il valore del Pil italiano nel secondo trimestre del 2020 risulta essersi ridotto di oltre 50 miliardi di euro. (Ultim'ora News)

Ieri, il dato scioccante degli USA, con il pil a -32,9% su base trimestrale, pur meglio delle attese che erano per un crollo in area 34%. Il prodotto interno lordo dell’Italia è crollato del 12,4% nel secondo trimestre rispetto ai primi tre mesi dell’anno e del 17,3% su base annua. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr