Migranti, l'Europa e la lezione bielorussa

Migranti, l'Europa e la lezione bielorussa
La Repubblica ESTERI

Non che questa sia la prima volta.

Né ragiona diversamente il suo quasi gemello Erdogan, quando dice agli europei: "Trattenetemi o saranno dolori; pagatemi la mia rendita annua o non trattengo più nessuno e scarico sulle vostre coste i milioni di ostaggi che ho"

Gheddafi faceva altrettanto quando, ogni anno alla fine dell'estate, negoziava con Roma la salvaguardia delle sue frontiere.

Prima di tutto, lo stupore. (La Repubblica)

Su altri media

Interviene anche Human Rights watch. Sulla crisi interviene anche Human rights watch che ne ha per Minsk ma non risparmia critiche neppure nei confronti della Polonia. "Ma ora il problema più importante non è l'afflusso ma prendersi cura di queste persone: dobbiamo fornir loro assistenza umanitaria". (euronews Italiano)

In questi giorni a rendere ancora più complicata la crisi dei migranti al confine tra Bielorussia e Polonia ci pensano le fake news. In copertina: video tratto dalla pagina Facebook di Karwan Rawanduzy. (Open)

Questa considerazione deve condizionare la comunità internazionale e l’Unione Europea e impone un decisissimo cambio di passo. I migranti stanno pagando un prezzo inaccettabile e nei loro confronti si deve fare una cosa semplice e immediata: organizzare gli aiuti e aprire le porte. (L'HuffPost)

Le responsabilità dell’UE nella crisi migratoria in Bielorussia

La scelta, folle, di Lukashenko, di favorire e organizzare un flusso di migranti verso l´Unione Europea, non è altro che il tentativo di giocare, utilizzando le persone come carne da macello, la propria partita. (Il Manifesto)

Chi lascia morire uccide Abbiamo invece l’onere di molte pagine per descrivere, raccontare, denunciare cosa accade oggi in Europa nel gelo dell’indifferenza, nel buio della lunga notte dei diritti. (Il Riformista)

La decisione dell’UE di porre fine alla cooperazione sui progetti di assistenza tecnica internazionale, che serviva allo scopo di garantire la sicurezza ai confini dell’UE con la Bielorussia, ha messo a rischio gli accordi esistenti tra UE e Bielorussia sulle questioni relative alla risoluzione delle frontiere. (L'AntiDiplomatico)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr