E' di Olivia il corpo trovato in fondo al mare. Si cerca la sorellina

L'HuffPost ESTERI

I resti di Olivia sono stati recuperati non lontano dalla costa dell’isola, in una borsa legata a un’ancora.

Dell’altra bimba — Anna, di un anno — e del padre Tomás Gimeno, 37 anni, ancora nessuna traccia: gli inquirenti continuano a cercarli, anche con una nave per ispezioni oceanografiche e un robot sottomarino.

I risultati dell’autopsia non sono ancora stati resi noti.

Dall’inizio dell’anno, secondo le statistiche ufficiali, i femminicidi sono stati almeno 18 (10 solo tra maggio e giugno)

È il caso che ha colmato nelle ultime ore l’opinione pubblica della Spagna di sentimenti che vanno dallo sgomento e il dolore all’impotenza e alla rabbia. (L'HuffPost)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Secondo Vega, la morte potrebbe essere stata causata da “morte per asfissia, annegamento, insufficienza cardiaca o avvelenamento”. Si ipotizza che il corpo di Anna possa essere stato presente, anche se questa possibilità non è stata ancora confermata (Flamina&dintorni)

Nonostante le speranze della madre, la polizia aveva da subito iniziato le ricerche al largo di Tenerife, prevedendo il peggio. Le autorità hanno annunciato il ritrovamento in mare del cadavere di Olivia, la maggiore delle sorelline di cui la madre Beatriz Zimmermann aveva denunciato il 27 aprile il sequestro a Tenerife da parte del padre, Tomas Gimeno. (Gazzetta di Modena)

Nonostante le speranze di Zimmermann, scrivono i media iberici, la polizia aveva da subito iniziato le ricerche al largo di Tenerife, prevedendo il peggio. La ricerca della sorella Anna, di 1 anno, e del padre Tomas Gimeno, prosegue, ma le autorità non sperano di ritrovarli in vita. (La Gazzetta di Reggio)

L’identificazione ufficiale non è ancora stata realizzata, ma tutto fa presagire che il corpo sia quello di Olivia, la maggiore delle due bimbe scomparse. Sono già diversi i messaggi di cordoglio per Beatriz, la madre delle due bimbe, espressi sui social dalle autorità iberiche, compreso il premier Pedro Sánchez. (L'HuffPost)

“Gli italiani – specifica il manager Tecnocasa – scelgono principalmente la zona della spiaggia nel sud dell’isola. “La popolazione italiana nelle Isole Canarie – afferma Juan Carlos Garcìa Roldàn, Area Manager Tecnocasa Canarie – è raddoppiata nell’ultimo decennio e, attualmente, è la più grande comunità straniera dell’arcipelago con 59.484 residenti registrati nelle isole al 31 dicembre 2019. (Seven Press)

La Guardia Civil ha individuato un sacco contenente i resti di una bimba di 6 anni, che dovrebbero appartenere a Olivia. Secondo gli inquirenti, i resti ritrovati in fondo al mare apparterrebbero a Olivia, una delle due sorelline rapite dal padre a Tenerife il 27 aprile scorso per una vendetta contro la madre. (NewNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr