La Consulta: riformare l'aggio sulla riscossione delle entrate pubbliche - ItaliaOggi.it

La Consulta: riformare l'aggio sulla riscossione delle entrate pubbliche - ItaliaOggi.it
Italia Oggi ECONOMIA

Il legislatore è tenuto a valutare se l'istituto dell'aggio mantenga ancora "una sua ragion d'essere - posto che rischia di far ricadere su alcuni contribuenti, in modo non proporzionato, i costi complessivi di un'attività ormai svolta quasi interamente dalla stessa amministrazione finanziaria e non piú da concessionari privati - o non sia piuttosto divenuto anacronistico e costituisca una delle cause di inefficienza del sistema". (Italia Oggi)

Ne parlano anche altre testate

Contribuenti italiani in ansia in vista della ripresa dei pagamenti delle cartelle esattoriali mentre la crisi economica Covid continua ad imperversare sull’Italia portando ad una forte crisi di liquidità sia per le imprese che per le famiglie. (The Italian Times)

Il Governo è al lavoro per ridisegnare il sistema attuale e ha messo sotto osservazione proprio l’inesigibilità dei ruoli Senza capacità di incasso delle somme contestate anche la compliance – tanto sbandierata dalle forze politiche – si rivela inefficace nel più ampio obiettivo della lotta all’evasione. (Il Sole 24 ORE)

Immaginare di poter accertare sistematicamente 4 o 5 milioni di partite Iva attive è difficile. Quindi ai privati cediamo i nostri diritti alla privacy e poi ci difendiamo dallo Stato che siamo noi stessi" (Italia Oggi)

Fisco, si ipotizza scadenza quinquennale per le cartelle esattoriali

Un ulteriore monito è arrivato dalla Corte Costituzionale, con le motivazioni della sentenza n. 120 depositata il 10 giugno 2021. Sono quasi mille miliardi di euro le entrate mancanti nelle casse dello Stato: l’allarme è stato più volte non solo dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ruffini, ma anche dalla Corte dei Conti. (Money.it)

editato in: da. Doveva scadere il prossimo 30 giugno, secondo quanto indicato nel decreto “Sostegni “, invece il blocco dei pignoramenti e dell’invio delle cartelle esattoriali dovrebbe essere prolungato fino al primo settembre. (QuiFinanza)

Questo permetterebbe un’accelerazione degli iter di riscossione. Il Decreto Sostegni varato lo scorso marzo, ha introdotto delle semplificazioni nella cancellazione delle cartelle esattoriali inesigibili. (Consumatore.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr