Pnrr, Draghi: Imprese turismo più competitive, digitalizzare servizi

Pnrr, Draghi: Imprese turismo più competitive, digitalizzare servizi
LaPresse INTERNO

Roma, 8 apr.

(LaPresse) – Sosteniamo i settori culturali e creativi del Paese, duramente colpiti dalla pandemia.

Lo ha spiegato, a quanto si apprende, il premier Mario Draghi a Regioni ed enti locali nell’incontro in corso

Ad esempio, vogliamo rendere le imprese del settore turistico più competitive, e permettere loro di digitalizzare i propri servizi.

(LaPresse)

La notizia riportata su altre testate

“Il premier – aggiunge Fontana – ha evidenziato quanto importante sia il ruolo delle Regioni per i programmi di rilancio del Paese, a partire dalla storica occasione che ci viene offerta con il Recovery Plan. (LaPresse)

Per l'Ansa il provvedimento, secondo quanto si apprende da fonti di Governo, dovrebbe essere contenuto in una delibera che dovrebbe essere approvata in Consiglio dei Ministri "Fornire prospettive a quei settori chiusi valutando aperture subito dopo il 20 aprile, nel caso di un miglioramento dei dati epidemiologici, per poi permettere da maggio la ripartenza di attività in stand-by da troppo tempo come le palestre". (VicenzaToday)

L’esatto contrario dei Cinque Stelle che non hanno sedi fisiche, ma solo virtuali. Fratelli d’Italia è a quota 130.000 e triplica gli iscritti, la Lega supera i 100mila. (LA NOTIZIA)

Salvini: 'Nuovi protocolli per accessi a teatri, negozi, palestre'/ Proposta a Draghi

In mezzo a tutto questo caos Salvini potrebbe preparare la strada per il Papeete bis, riproponendo la situazione he si verificò due anni fà. In questo senso la protesta in atto oggi pomeriggio a Piazza Montecitorio è l’emblema di un Paese ormai allo sbaraglio, perso tra la crisi economica causata dalla pandemia e gli estremismi più pericolosi. (ZON.it)

Roma, 8 apr. E’ quanto viene riferito da fonti presenti all’incontro (LaPresse)

Il segretario federale della Lega invoca da settimane riaperture, scontrandosi con l’indicazione del ministro Speranza di stop alla zona gialla almeno fino al 30 aprile. Nelle sue ultime dichiarazioni Matteo Salvini è tornato a parlare di dossier roventi come teatri, negozi e palestre, già al centro del dibattito nelle ultime settimane. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr