Astrazeneca, il rapporto di Ema: “Casi fatali rari, benefici sono maggiori dei rischi”

Astrazeneca, il rapporto di Ema: “Casi fatali rari, benefici sono maggiori dei rischi”
IVG.it INTERNO

“Il rapporto rischi benefici del vaccino Astrazeneca – Vaxzevria è positivo per tutte le categorie della popolazione.

C’è un’esperienza troppo limitata di casi per valutare gli effetti della seconda dose.

E ha citato un’ottantina di casi gravi di trombosi, di cui 18 fatali, dal 22 marzo a oggi su 25 milioni di persone vaccinate.

La maggior parte dei casi si è verificata in donne sotto i 60 anni di età, soprattutto nelle prime due settimane dalla somministrazione della prima dose. (IVG.it)

Su altri media

Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati” afferma l’agenzia in una nota riguardo il vaccino AstraZeneca. Nella nota riferita al vaccino AstraZeneca, l’Ema sottolinea che “i casi provenivano principalmente da sistemi di segnalazione spontanea dell’AEA e del Regno Unito, dove circa 25 milioni di persone avevano ricevuto il vaccino”. (Virgilio Notizie)

Questa è la prescrizione contenuta nel rapporto aggiornato della Mhra, l’autorità britannica del farmaco, su AstraZeneca. Il suo rapporto arriva nello stesso giorno in cui l’Ema ha concluso che i “coaguli di sangue combinati con bassi livelli di piastrine” sono un “possibile effetto collaterale molto raro” del vaccino Astrazeneca. (Il Fatto Quotidiano)

Da Quotidiano sanità La decisione dell’EMA e i sintomi da tenere sotto controllo. L’Ema è giunta alla conclusione che dato il numero degli eventi verificatosi, possono essere considerati effetti collaterali rari, che confermano come i benefici siano superiori agi effetti avversi. (InfermieristicaMente)

AstraZeneca, caos rinunce: metà dosi in frigo/ Prof universitari in 'fuga' a Napoli

Nel complesso, ha tuttavia precisato l'Authority continentale, i benefici continuano a superare i rischi. Alla fine l'Ema ha confermato le indicazioni già ipotizzate negli ultimi giorni: un collegamento tra il vaccino AstraZeneca e i casi di trombosi nei pazienti a cui è stato somministrato esiste, anche se è un effetto collaterale molto raro. (Milano Finanza)

La conclusione dell'agenzia dopo 86 casi su 25 milioni di vaccinati. I trombi sanguigni rari possono essere considerati un effetto collaterale “molto raro” del vaccino di AstraZeneca contro il Covid-19, ma i benefici del siero continuano a essere superiori ai rischi. (LaPresse)

Discorso diverso per Moderna: sono state usate solo circa il 50% delle dosi perché l’altra metà è stata messa da parte per i richiami visto che le forniture sono ballerine DALLA CAMPANIA AL PIEMONTE: CAOS RINUNCE. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr