Decreto Reclutamento, approvato il testo su concorsi pubblici e Recovery. Brunetta: “Non crea precari” - L'Unione Sarda.it

L'Unione Sarda.it INTERNO

Creeremo una banca delle professionalità che potrà essere usata poi con opportuni concorsi, a regime, nella pubblica amministrazione, dopo il 2026.

"L'obiettivo del decreto è reperire figure professionali per contratti 3+2 - ha precisato il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, riferendosi alla durata dell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza -.

Una volta superata quella fase abbiamo regolato lo smart working 50% e 50%

Ogni amministrazione, ogni progetto avrà la responsabilità di scegliere i migliori attraverso il portale di riferimento". (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altre testate

IN sottofondo un rumore metallico. Il giorno dopo l’approvazione in Consiglio dei ministri della terza riforma che porta la sua firma in questa legislatura - quella sul reclutamento nella Pa, dopo i concorsi digitali e le semplificazioni - il ministro si gode un sabato pomeriggio di riposo. (ilmattino.it)

«Dopo una primissima lettura quello che posso dire è che: va bene, naturalmente, assumere, ma da quello che si capisce tutto lo sforzo è mirato ad assunzioni a tempo determinato - puntualizza Olivo - . (Il Messaggero Veneto)

"Significa - prosegue - che in 5 anni avremo un impatto di mille miliardi sulla nostra economia e sul nostro Pil. Per il ministro i decreti approvati aprono la "cassaforte della credibilità" perché, spiega nell'intervista a 'Il Messaggero', "abbiamo rispettato i tempi dettati dall'Unione europea per le prime tre riforme. (InfoOggi)

l portale unico per il reclutamento della P. Il portale sarà "il luogo dove si realizzerà l'incontro tra domanda e offerta di lavoro pubblico" e garantirà, si legge, "la massima digitalizzazione e la massima trasparenza di ogni selezione" (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Significa che in quattro o cinque anni avremo un impatto di mille miliardi sulla nostra economia e sul nostro Pil…” “Abbiamo rispettato – ha aggiunto – i tempi dettati dall’Unione europea per le prime tre riforme. (BlogSicilia.it)

Milano, 7 giu. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr