Un open day per donne in gravidanza a Caserta dopo la morte di Palma Reale

Un open day per donne in gravidanza a Caserta dopo la morte di Palma Reale
Fanpage.it INTERNO

Un open day per donne in gravidanza a Caserta dopo la morte di Palma Reale Un open day riservato a donne incinte: si terrà giovedì 16 settembre a Marcianise, in provincia di Caserta, dalle 8 alle 20 e non servirà prenotazione.

L'evento non prevede prenotazioni: ci si potrà recare nel corso della giornata e ricevere al contempo anche la rispettiva prima dose di vaccino in tutta sicurezza

Palma Reale, che non era vaccinata, lascia un marito trentenne ed altre tre figlie piccole oltre all'ultimo arrivato. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altri media

Si tratta del 90,27% delle dosi di vaccino consegnate all'Umbria (1.355.904, dato invariato) dal commissario straordinario nazionale all'emergenza Coronavirus, mentre i prenotati sono al momento 38.423 (da domenica scorsa però i centri vaccinali sono comunque aperti a tutti senza prenotazione). (PerugiaToday)

di Cristina Marrone. La protezione aumenta nelle settimane successive alla terza dose, ma non è chiaro quanto durerà l’effetto. «Per questo aggiunge - alcune persone potrebbero sperimentare qualcosa di simile dopo la terza dose» (Corriere della Sera)

“A giugno abbiamo inviato al Governo un progetto relativo a questa terza fase di somministrazione“. Dichiarazioni simili sono arrivate da parte del collega Nicola Zingaretti, che ha annunciato quando si partirà con la terza dose nel Lazio attraverso un tweet (Virgilio Notizie)

Il vaccino contro il Covid-19 non è sperimentale

"Si inizierà dai pazienti trapiantati di organo solido e di cellule staminali ematopoietiche e si proseguirà con le altre categorie di pazienti immunocompromessi, come i pazienti in chemioterapia. Una notizia appresa con grande soddisfazione dall'assessore al Welfare di Palazzo Lombardia Letizia Moratti: (Prima Treviglio)

Non si sa ancora se la terza dose servirà a tutta la popolazione Da lunedì 20 settembre al via la terza dose di vaccino anti-Covid ai soggetti immunocompromessi. (La voce di Rovigo)

Retroterra dell’argomentazione sono le già esposte – e confutate – tesi relative alla natura sperimentale del vaccino e alla sua inefficacia nell’impedire l’infezione. L’imposizione di un trattamento sanitario sperimentale viola il diritto. (La Legge per Tutti)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr