Ma quale discriminazione, se i Ddl Zan salta è “colpa” dell’incapacità di sinistra

Ma quale discriminazione, se i Ddl Zan salta è “colpa” dell’incapacità di sinistra
Il Primato Nazionale INTERNO

E’ tutta colpa della troppa foga, da sinistra, di arrivare a una legge contro l’omofobia.

Tutto è stato inviato alla presidente di Palazzo Madama, Maria Elisabetta Alberti Casellati, per il passaggio del ddl in sede referente

Ddl Zan, la sinistra si fa ostruzionismo da sola. Ieri la commissione Giustizia di Palazzo Madama ha optato per un nuovo slittamento della calendarizzazione del ddl Zan contro l’omofobia che era già stato approvato alla Camera il 14 ottobre scorso. (Il Primato Nazionale)

Su altri giornali

Poi è una legge sbagliata nel merito, perché i reati che colpiscono atteggiamenti omofobici, sono già compresi nel codice penale, che contempla la violenza, l’ingiuria E i diritti sono un modo per privare di qualsiasi ossatura, forza, midollo ed energia, la nostra società. (provitaefamiglia.it)

Il viaggio sarà poi organizzato in totale sicurezza nel momento più consono in base all'andamento dell'emergenza sanitaria Food For Soul è un'organizzazione no profit fondata da Massimo Bottura e Lara Gilmore nel 2015, per migliorare la sostenibilità e l'equità del sistema alimentare e la sicurezza alimentare per tutti. (Fine Dining Lovers Italia)

Ad esempio, in questi giorni, il Senato dovrebbe discutere la legge Zan, già approvata alla Camera, che vuole contrastare l’omofobia in Italia». Anche Carlo Cracco in campo a sostegno del ddl Zan. (GayNews)

Legge contro l'omofobia, crepe nella Lega, Zaia: ''Le libertà vanno garantite a tutti''. Zan a il Dolomiti: ''Le sue parole spero convincano i suoi colleghi''

Il ddl Zan ha subìto un nuovo slittamento: il disegno di legge che da settimane aspetta la calendarizzazione in Senato – dopo l’ok del novembre scorso alla Camera – è ancora in fase di stallo. Non risparmia l’ironia l’altro leghista Simone Pillon: «Ddl Zan alle calende», dice. (Open)

Questo perché certe leggi sono necessarie, senza se e senza ma. – ha continuato Francesca Michielin – Su alcune cose, a mio avviso, non è possibile avere un’opinione. (Trendit)

“Spero che le sue parole – ha spiegato Alessandro Zan - convincano alcuni senatori del suo partito a prendere in considerazione di sostenere il provvedimento”. Il disegno di legge Zan contro l'omofobia, già approvato alla Camera dei Deputati, ed ora bloccato dalla destra in Senato, sta facendo discutere la Lega creando le prime crepe all'interno del partito di Matteo Salvini. (il Dolomiti)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr