Le Regioni con terapie intensive oltre la soglia critica: l’elenco aggiornato

Le Regioni con terapie intensive oltre la soglia critica: l’elenco aggiornato
Fanpage.it INTERNO

Sopra la soglia infine anche il Molise (38%), la Liguria (36%), l’Abruzzo (33%), l’Umbria 32%).

Secondo l’ultimo aggiornamento dei dati da parte dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Agenas, infatti, a livello nazionale la soglia critica è stata superata di 10 punti percentuali attestandosi al 40% rispetto al 30% indicato dal decreto del Ministro della Salute come soglia massima oltre la quale si è in una situazione di allarme. (Fanpage.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Le regioni in cui le terapie intensive sono sotto pressione. Come abbiamo visto, a livello nazionale le terapie intensive sono occupate al 41%, sopra la soglia d’allerta fissata al 30%. Poco sopra la soglia critica anche la Liguria (35%) e l'Abruzzo (33%). (Fanpage.it)

Di ieri la notizia che sono stati liberati quattro posti di terapia intensiva che tornano ‘puliti’, dedicati cioè alle patologie no Covid. Torna a respirare l’ospedale Murri, si ridimensiona lo spazio dedicato al Covid e si torna a fare interventi chirurgici. (il Resto del Carlino)

San Giovanni Rotondo, 07/04/2021 – (blunote) “Il nostro amico e collega Ninni Cannella, storico fotografo del Taranto, oggi dirigente del San Severo, ha appena cominciato la sua battaglia con il covid. (StatoQuotidiano.it)

"Forza Ninni, non mollare!"

La situazione nelle terapie intensive. In conclusione l'aggiornamento sulle terapie intensive del Veneto del dottor Paolo Rosi: «La situazione è stabile dal punto di vista clinico, ma inquietante dal punto di vista gestionale. (TrevisoToday)

Per altri 97 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (38 casi rilevati), contatti in setting domestico (84 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (55 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (6 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (2 casi rilevati), contatti rilevati in setting assistenziale (1 caso rilevato), screening percorso sanitario (2 casi rilevati) e 1 caso proveniente da fuori regione. (Riviera Oggi)

L’animatore dei giallogranata, Ninni Cannella, non solo il mio primo collaboratore, ma soprattutto mio fratello per me, sta lottando contro il coronavirus, attaccato ad un tubo ed ho tanta paura. Forza Ninni ti aspettiamo presto!" (FoggiaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr