Covid, i numeri impietosi dell'India

Covid, i numeri impietosi dell'India
Ticinonews.ch INTERNO

Oltre quaranta Paesi (dagli Stati Uniti alla Francia, dalla Russia alla Gran Bretagna) hanno inviato o promesso forniture di emergenza, a partire dai respiratori.

Numeri da capogiro. Da giorni, ormai, l’epicentro della pandemia è stabilmente in India, diventato il primo Paese al mondo a registrare oltre 400mila nuovi contagi in un giorno.

Ma il problema è che mancano le dosi: un paradosso, in un Paese che è il più grande produttore al mondo

I numeri sono impietosi e certificano un ennesimo record, 3’689 vittime in appena 24 ore. (Ticinonews.ch)

Su altri media

Intanto, in Argentina, i contagi totali da inizio pandemia arrivano a superare i 3 milioni. Sono oltre 152 milioni i casi registrati a livello globale, secondo i dati della Johns Hopkins University, con oltre 3 milioni di vittime. (Sky Tg24 )

Enzo Galli, marito di Simonetta, ieri mattina ha inviato a "La Nazione" un altro drammatico video-appello: "Simonetta non riesce a mangiare, le prospettano il ritorno in ospedale. Ieri in consiglio comunale a Firenze ha esposto il caso il consigliere Alessandro Draghi: "La mia angoscia è che questa situazione venga dimenticata a breve (LA NAZIONE)

Le autorità locali accusano il governo federale, che assegna quote di ossigeno agli stati, di non inviarne abbastanza. Secondo la BBC, nonostante l'India sia il più grande produttore mondiale di vaccini, le scorte mancano (Fanpage.it)

Covid, India supera i 20 milioni di contagi

L'India ha superato i 20 milioni di casi di Covid 19 dall'inizio della pandemia. Negli ultimi dieci giorni, la maggior parte delle farmacie ha esaurito le scorte di medicinali di base, vitamine, zinco, paracetamolo. (Adnkronos)

«Ho un inizio di broncopolmonite e in questa struttura - un albergo sanitario - non vogliono più tenermi, mi vogliono rimandare in ospedale e da lì ho paura che non ne uscirò più», riferisce oggi Simonetta all'agenzia ANSA. (leggo.it)

Nuova Delhi (India), 4 mag. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr