Tensione in Perù dopo il voto ««Scelta fra due estremi, ma chi vince dovrà governare dal centro»

Tensione in Perù dopo il voto ««Scelta fra due estremi, ma chi vince dovrà governare dal centro»
Corriere della Sera ESTERI

Castillo si proclama vincitore, Fujimori annuncia un gran numero di ricorsi.

Un testa a testa carico di tensione.

«Non so se sia più polarizzata rispetto ad altri Paesi

Se i risultati non si spostano troppo, allora Keiko Fujimori dovrà ammettere la sua sconfitta.

«Ciò che accadrà nei prossimi giorni sarà un buon banco di prova per la forza delle istituzioni democratiche del Perú.

(Corriere della Sera)

Su altre fonti

La magistratura però tira in ballo il suo coinvolgimento nello scandalo Odebrecht: avrebbe intascato tangenti per le campagne elettorali del 2011 e 2016 (La Repubblica)

La candidata di destra Keiko Fujimori (Fuerza popular) ha ottenuto 8.735.239 suffragi che rappresentano il 49,81%. Si è concluso lo scrutinio dei voti espressi nel ballottaggio presidenziale del 6 giugno in Perù, anche se il risultato definitivo sarà corretto dalle decisioni del Tribunale nazionale elettorale (Jne) che deve esaminare i voti di 755 seggi in cui sono state riscontrate irregolarità. (L'Unione Sarda.it)

La vittoria del bolivariano Pedro Castillo nel ballottaggio di domenica scorsa è stata confermata dalla delegazione di osservatori dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa) incaricata di vigilare sulle recenti elezioni in Perù, che ha dichiarato di non avere individuato alcuna “grave irregolarità” nello svolgimento della consultazione che ha definito “positiva”. (Farodiroma)

Perù: perché non è ancora stata proclamata ufficialmente la vittoria di Castillo?

Castillo, un insegnante di scuola elementare cresciuto in un villaggio povero, era in testa con 50.000 voti sabato sera, con solo 16.000 voti rimasti da contare. Fujimori, la figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori che è incarcerato con l’accusa di violazioni dei diritti umani e corruzione, affronta problemi legali da sola. (FUTURA MEMORIA)

Con argomentazioni prive di fondamento, la richiesta di annullamento dei voti non dovrebbe passare, confermando così ufficialmente la vittoria di Castillo Pedro Castillo presidente! (L'AntiDiplomatico)

"La missione non ha rilevato gravi irregolarità", indica il rapporto preliminare della missione che saluta un "processo elettorale positivo, in cui si sono registrati miglioramenti sostanziali tra il primo e il secondo turno". (tvsvizzera.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr