Coronavirus, rivolta dei migranti in quarantena a Treviso: lancio di brandine e mobili distrutti

Coronavirus, rivolta dei migranti in quarantena a Treviso: lancio di brandine e mobili distrutti
La Tribuna di Treviso La Tribuna di Treviso (Interno)

Alcuni riechiedenti asilo si sarebbero ribellati alla quarantena obbligatoria lanciando una brandina, un computer e alcuni mobili all’interno dell’inferneria.

Alcuni migranti non hanno accettato la quarantena obbligatoria imposta dall'Usl per evitare la diffusione del contagio.

Ne parlano anche altri giornali

Il caso migranti a Treviso continua a tenere banco: secondo l’ultimo aggiornamento sono ben 133 le nuove positività al Covid riscontrate all’interno della Caserma Serena, che rappresenta il più grande centro migranti dell’area trevigiana. (Yahoo Notizie)

In ogni caso i 133 ospiti dell'ex caserma Serena sono tutti in quarantena e nessuno di loro avverte sintomi: la struttura è costantemente sorvegliata dalle forze dell’ordine e tra una settimana l’azienda sanitaria svolgerà nuovi test. (Fanpage.it)

Una volta rientrato, dal suo contagio ne sono scaturiti almeno altri 14 nella Marca. La buona notizia è che non c'è alcun focolaio di coronavirus nell'unità di Malattie infettive dell'ospedale di Treviso (Il Gazzettino)

nel CENTRO di ACCOGLIENZA di una città del NORD, infuriano le POLEMICHE. Ci troviamo a Treviso, presso la ex Caserma Serena di Casier, dove nel Centro di Accoglienza sono stati registrati, grazie ai tamponi di massa, 133 positivi al coronavirus. (iL Meteo)

E all’interno del Veneto è Treviso a fare i conti con il risveglio del Covid. In realtà le persone della «Serena» infettatesi non hanno nulla a che vedere con i recenti sbarchi a Lampedusa. (Corriere della Sera)

Non c'è alcun collegamento tra gli sbarchi delle ultime settimane a Lampedusa e questo nuovo focolaio di coronavirus: sono persone straniere in Italia da anni, che hanno contratto il virus qui da noi. Ma la macchina della propaganda non ha tempo per quest (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr