Cassa integrazione: «A noi danno solo 5 giorni, lo Stato ce ne ha messi 40»

Cassa integrazione: «A noi danno solo 5 giorni, lo Stato ce ne ha messi 40»
TrevisoToday TrevisoToday (Interno)

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Data la gravità del fatto, il sindaco Marzio Favero ha chiesto al Comandante della Polizia locale, Stefano Milani, di procedere con un’inchiesta giudiziaria, visto che questo compito rientra tra quelli ausiliari affidati alla Polizia locale.

Ne parlano anche altri media

Il Ministro ha invitato il M5S a fare una “valutazione pratica e pragmatica dei pro e dei contro di tutte le opzioni. Le faremo nel momento giusto e sono certo – ha detto – che tutti insieme raggiungeremo la soluzione più razionale”. (QuiFinanza)

L’esecutivo studia l’estensione della casa integrazione fino al mese di dicembre 2020, ma nel provvedimento rientreranno solo i settori economici più colpiti dal Coronavirus. A livello pratico, la prosecuzione della cassa integrazione potrebbe essere una realtà solo per alcune platee di lavoratori. (Ultim'ora News)

Poi la riforma degli ammortizzatori sociali con la Legge di Bilancio, in autunno. Si profila l’intesa tra Pd e M5S: uno “scambio” - riporta Repubblica - per arrivare, a metà luglio, al decreto che proroga fino alla fine dell’anno la cassa integrazione e la moratoria sui licenziamenti. (L'HuffPost)

Se non ricorri alla cassa integrazione, in sintesi, le risorse non spese puoi spostarle sulla defiscalizzazione del costo del lavoro, usufruendone. Allo stesso tempo, ha proseguito, “l’uscita dalla cassa integrazione con la decontribuzione è una ipotesi concreta”. (Il Fatto Quotidiano)

Bisognerà modulare il sostegno al lavoro", ha aggiunto, "e favorire la ripresa dell'economia. "Secondo gli ultimi dati Inps, di tutti quelli che hanno fatto domanda di cassa integrazione entro fine maggio soltanto 20.000 restano da pagare". (AGI - Agenzia Italia)

I dipendenti a tempo determinato coinvolti dalle misure di contenimento del contagio sono poco meno di 600 mila unità, occupati in prevalenza nel settore terziario (419 mila). È verosimile che, in conseguenza del fermo delle attività, una quota non indifferente di contratti a termine non venga rinnovata. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr