Mediobanca, quell'incontro tra Del Vecchio e Nagel

Mediobanca, quell'incontro tra Del Vecchio e Nagel
Bluerating.com ECONOMIA

La percentuale è di fatto la possibilità di avere voce piena sulla questione da parte dei due investitori.

Il mancato sostegno di Del Vecchio si ipotizza possa essere rinvenuto nel mancato ok da parte delle Generali della proposta di Mediobanca di acquistare la quota detenuta in Banca Generali, pari al 50,17%.

Se il patto è un atto formale che in Mediobanca non ci si aspettava, una fonte de Il Sole 24 Ore afferma che l’ad Nagel abbia avuto un contatto con Del Vecchio a luglio. (Bluerating.com)

Su altri giornali

1 Minuto di Lettura. Mercoledì 15 Settembre 2021, 17:45. . . . (Teleborsa) - Francesco Gaetano Caltagirone prosegue nell'acquisto di azioni Generali, anche dopo aver siglato il patto di consultazione con Leonardo Del Vecchio. (ilmessaggero.it)

Generali infatti ha chiuso a 17,65 euro (+1,2%) e Mediobanca a 9,73 euro (+0,7%). Frattanto Generali si è confermata tra le «most honoured companies» del settore assicurativo all’edizione 2021 dell’All European Executive Team, la classifica annuale della testata Institutional Investor (Bluerating.com)

Considerando il peso dei fondi e i numeri in consiglio, la partita di Del Vecchio e Caltagirone va costruita guardando all’assemblea Finanza Caltagirone-Del Vecchio, patto di consultazione sulle Generali di Redazione Economia. (Corriere della Sera)

Generali, alla prima conta su Donnet il consiglio subito si spacca

All’orizzonte, intanto, per Generali si prospetta un periodo di tempesta La possibilità è che per la prima volta in cinquant’anni potrebbe essere messa in discussione la leadership di Mediobanca (azionista al 12,93% della capitale di Generali) ad opera dei due imprenditori. (Bluerating.com)

Secondo Caltagirone e Del Vecchio la crescita della compagnia sarebbe insoddisfacente con una conseguente penalizzazione delle quotazioni del titolo in Borsa. Si prospetta, infatti, un muro contro muro in vista della rielezione del Ceo. (SNACHANNEL)

È questo il bilancio del primo confronto allargato in Generali sul delicato tema della conferma del ceo Philippe Donnet. Schierato, di fatto,c’era l’intero board, escluso solo l’amministratore delegato, e alla fine il mantenimento dello status quo ha prevalso a maggioranza. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr