Elezioni Usa, l’ultimo nemico dei Trump? La Barbie candidata. Il figlio su Twitter: «Imbrogliona quindi dem»

Elezioni Usa, l’ultimo nemico dei Trump? La Barbie candidata. Il figlio su Twitter: «Imbrogliona quindi dem»
Open Open (Esteri)

A fare infuriare il figlio del presidente americano è stata l’ultima collezione Barbie presentata da Mattel: «The 2020 Campagina Team».

«Barbie non è, e non è mai stata affiliata ad alcun partito politico», ha detto un rappresentante dell’azienda al Los Angeles Times.

Ne parlano anche altre fonti

Steven Mnuchin, il Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, ha detto mercoledì che in settimana farà una “raccomandazione” su TikTok alla Casa Bianca. Nelle ultime settimane, gli esperti Usa hanno espresso la preoccupazione che la piattaforma video possa essere usata da Pechino per danneggiare gli Stati Uniti. (Positanonews)

Si mette in dubbio, infatti, il rispetto delle norme di tutela della privacy da parte di ByteDance, di cui proprietaria di TikTok. E agitando questo spettro, il presidente degli Stati Uniti ha minacciato il decreto che imporrà a Google e Android l'eliminazione dai rispettivi store online della possibilità di scaricare l'app. (RTL 102.5)

La mossa dell’azienda è arrivata dopo che Donald Trump ha annunciato che vieterà TikTok negli Usa, accusandola di essere uno strumento nelle mani di Pechino per spiare gli americani. (Zazoom Blog)

TikTok è sotto inchiesta da parte del Cfius, l'agenzia statunitense incaricata di garantire che gli investimenti esteri non costituiscano un rischio per la sicurezza nazionale. Donald Trump si è però detto fermamente contrario a un accordo per la cessione di TikTok che coinvolga Microsoft e di avere respinto l'ipotesi. (Metro)

Ieri era emerso dal Wall Street Journal e Bloomberg, che Trump era pronto a firmare un'ordinanza ufficiale per obbligare la ByteDance a vendere l'app in nome della protezione della sicurezza nazionale. (Tiscali Notizie)

Lo stesso presidente americano si è detto fermamente contrario a un accordo per la cessione a Microsoft del popolare social media (I PAESI CHE LIMITANO L'ACCESSO AI SOCIAL). Secondo il presidente americano il social network, accusato di essere utilizzato dai servizi segreti cinesi, “è fonte di preoccupazione per la sicurezza nazionale” e per questo sarà messo al bando. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr