Frana parte del cimitero di Camogli, centinaia di bare in mare

Frana parte del cimitero di Camogli, centinaia di bare in mare
La Repubblica INTERNO

Dall'altro, appunto, l'angosciante visione delle bare semidistrutte che si schiantano sulla scogliera e poi come rovine di navi naufragate finiscono trasportate verso il largo dalla corrente.

Sono immagini spaventose per due ragioni quelle che arrivano da Camogli dove oggi è franato il terreno che ospitava il cimitero.

La Regione poco tempo fa aveva stanziato 400 mila euro proprio per interventi che riguarderebbero il consolidamento di un parte di terreno di quella zona

Un costone a picco sul mare che frana e il macabro spettacolo di centinaia di bare che galleggiano in acqua. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altre testate

Oltre al rilievo su tutta l’area è stato anche effettuato un sopralluogo via mare con rilievo fotografico. i è svolto il sopralluogo, con l’ausilio di droni che regione Liguria ha messo a disposizione, dopo il crollo della falesia in corrispondenza del cimitero di Camogli, nel levante di Genova. (Primocanale)

Il sindaco Olivari attraverso gli uffici comunali attiverà le procedure di somma urgenza per l'assegnazione dei lavori a mare e a terra I dipendenti comunali stanno incrociando le concessioni dei loculi con i numeri di riferimento per dare una risposta ai familiari. (l'Adige)

A riprendere la frana che ha distrutto una parte dei loculi sono stati alcuni operai che si trovavano sul posto. Si allungano i tempi del recupero da parte dei sommozzatori impegnati nella ricerca delle bare: un intervento difficile proprio a causa dell'instabilità del costone a strapiombo sul mare (Sky Tg24 )

Crollo cimitero di Camogli, Toti firma la richiesta di “stato di mobilitazione”

Una parte del cimitero di Camogli è franata nel pomeriggio di lunedì 22 febbraio, finendo a picco sul mare sottostante. La parte del cimitero inghiottita dalla frana era già in precedenza transennata perché soggetta a scricchiolii e fratture. (Meteo Giornale)

Sono riprese in mattinata le operazioni di ricerca e recupero delle bare finite in mare dopo il crollo di una parte del cimitero di Camogli avvenuta ieri. I vigili del fuoco sono impegnati nelle delicate operazioni con il nucleo sommozzatori, gli specialisti nautici, il reparto volo e i dronisti. (Il Fatto Quotidiano)

Per questo, viene richiesto l’impiego di “strutture operative nazionali specializzate e dotate delle professionalità, competenze e attrezzature non disponibili presso le risorse locali, territoriali e regionali già dispiegate”. (Genova24.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr