Lazio, per il vaccino anti Covid Pfizer il richiamo passa a 35 giorni. Slittano gli appuntamenti

Lazio, per il vaccino anti Covid Pfizer il richiamo passa a 35 giorni. Slittano gli appuntamenti
Corriere di Viterbo ECONOMIA

Fino al 17 tutto resterà inalterato: chi ha già fissato un appuntamento per il richiamo questa settimana verrà regolarmente immunizzato con la seconda dose.

Massimiliano Conti 11 maggio 2021 a. a. a. Si allungano nel Lazio i tempi dei richiami per coloro che si sono vaccinati o si vaccineranno con Pfizer.

Da 21 giorni si passerà a 35 giorni.

Il Cts stesso ha spiegato come un richiamo ritardato non avrebbe conseguenze sull'efficacia della risposta immunitaria del paziente, ricordando altresì come la prima dose del vaccino Pfizer conferisca già una efficace protezione dalla Covid in forma grave nell'80% dei casi. (Corriere di Viterbo)

Su altri giornali

Il monito potrebbe stravolgere i piano di diverse regioni, tra cui la Puglia stessa, che hanno allungato in questi giorni la data del richiamo, come disposto dal Comitato Tecnico Scientifico, per avere più vaccini a disposizione e aumentare la fascia di popolazione coperta dalla prima dose (Il Quotidiano Italiano - Bari)

Secondo la direttrice Pfizer Italia, i piani politici non devono prendere le distanze da quelli scientifici Valeria Marino, direttrice medico di Pfizer Italia, prende le distanze dalle indicazioni date dal Comitato tecnico scientifico. (Teleclubitalia.it)

Arriva però il monito dei vertici Pfizer che si esprimono in merito alla vicenda. Non esisterebbero, dunque, dati relativi all’efficacia del vaccino con il raddoppiamento dei tempi di somministrazione tra una dose e l’altra. (Yeslife)

Muore d’infarto il giorno dopo il vaccino Pfizer

La sperimentazione effettuata da Pfizer relativa ai sovradosaggi si è fermata a 4 dosi inoculate contemporaneamente, e quindi manca una casistica clinica. È stata dimessa dopo 24 ore di osservazione la ragazza di 23 anni a cui domenica sono state somministrate per errore sei dosi di vaccino Pfizer all'ospedale Noa di Massa. (ilGiornale.it)

E ancora: “Ci sono gli estremi per un’azione legale, il consenso informato è vincolante e sia Aifa che Ema raccomandano il richiamo per Comirnaty dopo tre settimane. E per chi non ha ancora firmato il consenso la situazione è la stessa, viste le dichiarazioni di Valentina Marino direttore medico di Pfizer Italia che sono state lapidarie”. (romah24.com)

Muore d’infarto dopo il vaccino Pfizer: la vittima aveva 71 anni. Dopo il primo esame autoptico non furono rilevati trombi, quindi nessuna causa evidente direttamente riconducibile all’assunzione del vaccino (Prima il Canavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr