Lomazzo, Mirabelli (PD): Con le mafie non si può convivere

MI-LORENTEGGIO.COM. INTERNO

Nessuno può convivere con le mafie pensando di farla franca.

Lo ha detto senatore Franco Mirabelli (Vicepresidente del Gruppo PD al Senato e capogruppo PD in Commissione Parlamentare Antimafia) intervenendo questa mattina all’incontro “’ndrangheta 2.0.

Garantisti su tutto ma quando si sta nelle istituzioni bisogna essere chiari

(mi-lorenteggio.com) Lomazzo, 27 novembre 2021 – «Leggendo l’inchiesta che ha coinvolto anche il territorio di Lomazzo, mi pare evidente anche che il messaggio che dobbiamo dare tutti in modo forte è che con le mafie non si può convivere». (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I vicini di casa hanno sentito almeno uno sparo e avrebbero visto due persone che subito dopo sarebbero scappate a piedi. Sul posto sono arrivati i carabinieri, che stanno conducendo le indagini, cercando di ricostruire la dinamica dei fatti, con l’aiuto dei militari della sezione scientifica. (Zoom24.it)

Potrebbe essere la conferma che a sparare è stato Stefano Marrucci, 53 anni, pregiudicato con una condanna per omicidio, a cui i militari dell’Arma pratese stanno dando la caccia dalla notte di mercoledì. (La Nazione)

Stamani, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, l’imbianchino fermato 12 ore dopo l’omicidio, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al gip nell’udienza di convalida al tribunale di Prato l’imbianchino di 39 anni arrestato dai carabinieri dopo l’omicidio di Comeana. (tvprato.it)

I due avevano litigato per strada con Avvisato per poi sparargli e darsi alla fuga in auto. L'uomo, di professione imbianchino, giovedì era insieme al presunto assassino di Gianni Avvisato, il personal trainer di 38 anni ucciso giorni fa sulla porta di casa con un colpo di pistola. (Toscana Media News)

Nelle sette ore di interrogatorio il fermato che ha piccoli precedenti per droga, avrebbe ammesso di essere stato presente a Comeana in occasione del delitto, addebitando però la responsabilità dell’omicidio all’uomo che era con lui, tuttora ricercato dai carabinieri. (tvprato.it)

Forse sono stati due ex amici. Le ultime parole: «Mi hanno sparato, salvatemi». Raccontano i testimoni di averlo sentito gridare terrorizzato quel ragazzone che non aveva paura di nessuno. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr