«Colpo su Colpo», il rock e le lacrime del G8 di Genova

Corriere della Sera INTERNO

La canzone si può ascoltare in questo video, accompagnata dalle immagini di quei giorni montate da Davide Ferrario.

Così Massimo Zamboni a proposito di Colpo su colpo, brano per ricordare il G8 di Genova.

Anzi, ero lontano dall’Italia, e da quella lontananza rimbalzavano in ritardo di un paio di giorni i titoli dei giornali italiani.

Ho realizzato un documentario, Le strade di Genova, che racconta analiticamente cosa è successo e che è stato usato anche nei lavori della Commissione conoscitiva del Parlamento

«A Genova - racconta Ferrario - mi sono trovato nel fuoco degli eventi, sia come cittadino che come cineasta. (Corriere della Sera)

Su altri media

Negli anni ’90 si trovava il senso politico anche attraverso le canzoni. Al G8 di Genova tanti artisti hanno dedicato brani per ricordare ma anche per elaborare quel trauma, raccolte come Piazza Carlo Giuliani ragazzo (2001, Edizioni Ishtar) devoluto a favore di opere di solidarietà internazionale o GE2001 (2005, il manifesto dischi) per sostenere le spese legali dei manifestanti, ma anche singoli brani come Piazza (Il Manifesto)

Si tratta dell’ennesima situazione di negazionismo delle foibe, una tragedia per troppi anni sottaciuta o minimizzata ma finalmente adesso conosciuta da tutti". “Uno striscione che è una vergogna: i centri sociali non perdono mai l’occasione di dimostrare quanto siano miserabili e beceri, Genova non merita di essere deturpata da tutto questo. (LaVoceDiGenova.it)

Placanica, visibilmente provato, ha ricordato l’evento tragico “che è successo a due ragazzi, due ragazzi giovani. “Io ho chiesto scusa non come assassino ma come una persona che ha avuto un trauma in servizio”, ha aggiunto Placanica (Entilocali-online)

Lungo il cammino, luogo per luogo, abbiamo affrontato questioni sociali e ambientali del momento, con visite guidate e incontri con singoli e associazioni". piedi sotto il sole dalla caserma di Bolzaneto, in Val Polcevera, e sino in piazza Alimonda, alla Foce, e poi alla scuola Diaz di via Cesare Battisti, ad Albaro, dove arriveranno solo a tarda serata. (Primocanale)

di Piero Ceccatelli. “Al G8 di Genova ero nella caserma Diaz assieme ad altre 92 persone, come me tutte pestate ed arrestate. A Genova, vent’anni dopo. (Luce)

"Io ho chiesto scusa non come assassino ma come una persona che ha avuto un trauma in servizio", ha aggiunto Placanica Così Mario Placanica intervistato dal direttore dell'Adnkronos Gian Marco Chiocci nel corso del convegno dal titolo 'Dal G8 di Genova a Roma. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr