Ristoratori e commercianti protestano contro le chiusure, scontri davanti Montecitorio

Ristoratori e commercianti protestano contro le chiusure, scontri davanti Montecitorio
Tuscia Web INTERNO

Roma – Il sit-in davanti Montecitorio. “Siamo imprenditori, non delinquenti”, urlano al megafono i manifestanti davanti Montecitorio, molti dei quali sprovvisti della mascherina.

E proprio il Mio ha commentato i fatti accaduti oggi davanti a Montecitorio.

“Esprimo la mia solidarietà e vicinanza al funzionario della polizia di stato rimasto ferito durante la manifestazione in piazza Montecitorio – ha dichiarato la ministra -

È una giornata di importanti proteste in tutta Italia, con commercianti e ristoratori che stanno chiedendo al governo di riaprire le loro attività. (Tuscia Web)

Su altre fonti

I lavoratori di tutta Italia sono piegati a causa delle restrizioni anti-Covid. I manifestanti hanno esordito con cori, a suon di " buffoni, buffoni " e " libertà ", per poi passare al lancio di fumogeni e alcuni oggetti, nel tentativo di sfondare il cordone di polizia. (ilGiornale.it)

Un ristoratore modenese: "Mi sono vestito come Jake Angeli, se è l'unico modo per farmi sentire.". “Mi sono vestito così perché Jake Angeli ha fatto il giro del mondo, tutti lo hanno visto. (Adnkronos)

L'uomo, ristoratore che ha aderito a Io Apro e che: "sono aperto dal 15 di gennaio perché voglio dimostrare che "si può rimanere con i ristoranti aperti" (Corriere TV)

Tafferugli a Roma alla manifestazione per le riaperture, due agenti feriti. Proteste in varie città

Siamo ancora in una corsa di vita o morte contro questo virus. “Non siamo al traguardo. (LaPresse)

con lanci di fumogeni e alcuni manifestanti che hanno tentato di sfondare le transenne a protezione della piazza. L’agenzia di stampa Dire scrive che dopo la seconda carica in piazza Montecitorio una donna è stata colta da un malore ed ha perso i sensi. (LA NOTIZIA)

«Non lavoriamo da quasi un mese senza ristori e siamo stanchi - hanno detto - di questa situazione incresciosa che continua a ripetersi da oltre un anno e mette in ginocchio sempre di più le nostre attività» 3' di lettura. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr