Errori sui vaccini e chiusure in ritardo, perché in Italia si muore di più per Covid

Errori sui vaccini e chiusure in ritardo, perché in Italia si muore di più per Covid
L'HuffPost INTERNO

“A Londra avevano già chiuso negozi, palestre e ristoranti da quasi due settimane, dopo aver toccato i 120 morti in 24 ore

Un primato che è il risultato di errori che vale la pena mettere in fila, per affrontare con maggiore consapevolezza il futuro.

Il nostro bollettino quotidiano – osserva il Corriere - continua a essere terribile, con una media di 400 decessi al giorno nell’ultimo mese.

Un altro aspetto decisivo è quello del ritardo con cui si sono decise le chiusure durante la seconda e terza ondata: una rincorsa al rallentatore. (L'HuffPost)

Su altre fonti

Ma anche (per quanto la circolare della Regione utilizzi il termine al singolare) i figli per un padre. Anche se questo meccanismo a maglie larghe potrebbe consentire a qualcuno di utilizzare una scorciatoia per ottenere l’agognato vaccino. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Ognuno sceglierebbe il vaccino che vuole non ci sarebbero problemi nelle prenotazioni com’è successo ad alcuni anziani che sono stati mandati in altre Regioni rispetto a quella di residenza ed anche a Giugno. (Tecnica della Scuola)

Non sono previste né ammesse autocandidature", si leggeva nella nota a firma del Direttore generale del Welfare di Regione Lombardia Giovanni Pavesi La sala d'aspetto deserta e gli operatori che chiamano a caso per non esser costretti a buttare via preziosi dosi di vaccino anti Covid. (MilanoToday.it)

Via alle prenotazioni dei vaccini per i cittadini dai 65 ai 69 anni

“A questo virus viene aggiunto il pezzetto di Dna che serve per fare la proteina Spike modificata a sei proline ”, ha proseguito l’esperta. Gli sviluppatori hanno spiegato che grazie a una proteina altamente specializzata (messa a punto a partire dalla proteina Spike) chiamata HexaPro, viene indotta una risposta immunitaria. (Money.it)

Cuneo – A partire da oggi giovedì 8 aprile anche gli over 60 (inclusi i nati nel 1961) possono preiscriversi, su base volontaria, alla campagna vaccinale anti Covid tramite il portale www.ilpiemontetivaccina. (LaGuida.it)

Oltre alla modalità online, è possibile prenotare anche attraverso il call center dedicato – telefonando al numero verde 800.00.99.66 attivo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18 (esclusi sabato e festivi) – attraverso i 687 sportelli Postamat e tramite il canale costituito dai portalettere di Poste Italiane che possono inserire in agenda gli appuntamenti richiesti dai cittadini appartenenti alla categoria interessata. (Monrealelive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr