I sospetti dem su Calenda: “È un Renzi 2.0, basta polemiche o vuole solo far saltare tutto?”

I sospetti dem su Calenda: “È un Renzi 2.0, basta polemiche o vuole solo far saltare tutto?”
La Stampa ESTERI

Il segretario invoca un passo indietro: così la si dà vinta alla destra. Alessandro Di Matteo

I sospetti dem su Calenda: “È un Renzi 2.0, basta polemiche o vuole solo far saltare tutto?”. Per il Pd il leader di Azione punta al dietrofront.

(La Stampa)

Su altre testate

Se il patto Pd-Calenda può rafforzare il baricentro riformista del partitone di sinistra, la comfort-zone rossoverde del sempre uguale può pasticciare la nettezza di una scelta Le domande sorgono naturali di fronte al nascente patto che in queste ore legherà il Pd alle ali estreme di sinistra in un’alleanza solo elettorale che rischia di non essere una proposta di governo. (ilmessaggero.it)

La coalizione a perdere. Letta non vuole restare con il cerino acceso in mano. Il piano A, il piano B. Per questo Letta prepara il piano B (Open)

Invece grazie all’accordo con Azione e +Europa la partita è iniziata e si può vincere», ha detto Letta l’altra sera Letta a La7. L’incontro viene fissato per le tre di pomeriggio all’Arel, l’associazione del segretario dem ereditata dal suo mentore Beniamino Andreatta. (ilmattino.it)

Letta-Renzi, c'eravamo tanto (e sempre) odiati: da «Enrico stai sereno» alla lite sulle alleanze

Certo, non sempre in politica si corre per il solo potere. E, accanto al Centro, può prenderne il largo anche una politica di centro. (L'HuffPost)

Un seggio garantito per Di Maio. Come tenere avvinti tutti questi soggetti che in comune hanno meno di zero? Anche perché al centro dello spazio politico, ad egemonizzare l’offerta centrista, moderata e liberale, è rimasto il solo, gongolante Matteo Renzi (Nicola Porro)

Erano passate solo poche settimane da quel tweet («Enrico, stai sereno»), divenuto negli anni divenuto sinonimo di sgambetto (o peggio, pugnalata alle spalle) in arrivo. Le battute e le stilettate, tra Letta e Renzi, su questo non sono mai mancate (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr