Diagnosi e cura di un tumore a partire da 'ascolto' cellule

Diagnosi e cura di un tumore a partire da 'ascolto' cellule
Giornale di Sicilia SALUTE

Lo studio apre "alla possibilità di un impiego dell'effetto fotoacustico nella diagnostica medica che permetta di rilevare singole cellule tumorali attraverso nuovi mezzi di contrasto".

"Il prossimo passo - aggiunge Calvaresi - sarà riuscire a introdurre le molecole di fullerene in maniera selettiva solo all'interno delle cellule tumorali".

La pubblicazione è avvenuta insieme all'Università di Bari, al Cnr di Bologna e al TranslaTUM (Germania)

- BOLOGNA, 04 GIU - Per diagnosticare, e anche per curare, un tumore si potrebbe cominciare ad 'ascoltarlo'. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altri media

"L’idea a cui stiamo lavorando è l'utilizzo di vettori virali capaci di 'infettare' selettivamente solo le cellule tumorali “Questo studio apre quindi alla possibilità di un impiego dell'effetto fotoacustico nella diagnostica medica che permetta di rilevare singole cellule tumorali attraverso nuovi mezzi di contrasto”. (BolognaToday)

L'incidenza di eventi avversi di ogni grado è stata simile tra il braccio di studio con bemarituzumab più chemioterapia e quello con sola chemioterapia (rispettivamente 100% versus 98,7%). (PharmaStar)

Che, per le donne, è al terzo posto, con al primo quello al seno (in mezzo c’è quello del colon-retto). Invece i test genomici possono suggerire strategie migliori e ridurre del 36 per cento le chemioterapie inutili». (Corriere della Sera)

Ricerca, "ascoltare" il tumore per diagnosticarlo e curarlo

La pubblicazione è avvenuta insieme all’Università di Bari,. al Cnr di Bologna e al TranslaTUM (Germania) Lo studio apre “alla possibilità di un impiego. dell’effetto fotoacustico nella diagnostica medica che permetta. (Corriere Quotidiano)

La ricerca analizza anche alcuni sottosettori specifici e, analogamente al dato generale, l’Italia è in controtendenza rispetto alla media globale. La ricerca, giunta quest’anno alla 21esima edizione, analizza la fiducia verso aziende, media, Governo e associazioni non governative e, nell’ambito dell’analisi sul business, opera uno spaccato su diversi settori e tra questi quello legato alla salute. (Tecnomedicina)

(askanews) – Sfruttare l’effetto fotoacustico, che permette di trasformare l’energia luminosa in onde sonore, per identificare e colpire selettivamente le cellule tumorali. È la soluzione proposta da un gruppo di ricerca guidato da studiosi dell’Università di Bologna (askanews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr