Pasqua di controlli, cibo da asporto e vaccini. Cosa è possibile fare

Pasqua di controlli, cibo da asporto e vaccini. Cosa è possibile fare
Più informazioni:
ArezzoNotizie INTERNO

Cosa si può e cosa non si può fare. Ma cosa è possibile fare e cosa invece non è consentito nelle giornate di oggi e domani?

Nonostante le previsioni fino a qualche giorno fa nefaste, oggi e domani su Arezzo la primavera continuerà a fare capolino.

Vaccini e tamponi senza sosta. Intanto la campagna vaccinale e le varie campagne di screening non si fermano di fronte alle festività.

Il meteo. Dopo il pranzo di Pasqua, se il tempo lo permetterà, sarà possibile fare attività motoria all'aperto, senza però creare assembramenti. (ArezzoNotizie)

Ne parlano anche altri giornali

Divieto, peraltro, comunicato agli operatori solo verbalmente e non per iscritto, come andrebbe fatto. “Un’interpretazione data dalla locale amministrazione comunale all’ordinanza del presidente della Regione vietava infatti alle suddette attività la possibilità di fare asporto la domenica, intendendole attività commerciali. (il Fatto Nisseno)

Sempre per i tre giorni di festività anche il coprifuoco anticipato alle ore 20, con deroghe per particolari motivi. Per il presidente Usot, Luigi Sartini, sarebbe stato sufficiente avere un'ora in più, per far mangiare gli ospiti in tranquillità. (San Marino Rtv)

Durante le festività natalizie erano comparsi i delatori, adesso le forze dell'ordine si premurano di controllare anche quanto cibo da asporto viene acquistato dalle famiglie Una misura che ricalca quella dello scorso Natale, adottata dal governo per evitare assembramenti nei giorni di Pasqua. (ilGiornale.it)

"Controlli sui piatti d'asporto". Perché a Pasqua si rischia la multa

Ma i ristoranti non saranno gli unici ad essere sottoposti a controlli più severi e stringenti. In almeno una città italiana, la polizia farà particolare attenzione agli ordini d’asporto per Pasqua. (Leggilo.org)

Quello degli assembramenti domestici è un tasto dolente E agiremo di conseguenza”. (L'HuffPost)

Dalla mezzanotte di venerdì la provincia di Savona si è colorata di rosso. Gli spostamenti dalla propria residenza saranno consentiti solo per comprovati motivi legati a salute, lavoro, urgenza o studio. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr