Etna: pronti per un altro spettacolo. Intensa attività stromboliana in corso

Etna: pronti per un altro spettacolo. Intensa attività stromboliana in corso
Sonia La Farina INTERNO

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che si registra un incremento in frequenza ed intensità dell’attività stromboliana al Cratere di Sud Est.

Intensa attività stromboliana in corso, leggi anche Spettacolo Etna: le più belle foto e i più affascinanti video dell’eruzione)

Etna: pronti per un altro spettacolo.

(Oltre a Etna: pronti per un altro spettacolo. (Sonia La Farina)

Su altri media

Il quinto parossismo degli ultimi sei giorni si potrebbe verificare nelle prossime ore. I vulcanologi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania (Osservatorio Etneo), sono come sempre molto attenti nel monitoraggio della situazione in tempo reale. (Stretto web)

Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Nuccio Giuffrida Dj Catania (@giuffridanuccietti). Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da (@fabio_privitera17). Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da EtnaLive® (@etnalive). (R101)

L’ampiezza media del tremore vulcanico è in graduale incremento pur mantenendosi allo stato attuale nel livello medio. Le sorgenti del tremore risultano localizzate al di sotto del Cratere di Bocca Nuova, intorno ai 2500 m sopra il livello del mare (95047)

L’ETNA TORNA A FARSI SENTIRE, TREMORE VULCANICO IN AUMENTO

Gli esperti dell’INGV hanno fatto il punto sui tipi di magma che hanno alimentato i parossismi di febbraio. Da dove proviene il magma del vulcano siciliano? (Sicilia Fan)

Contemporaneamente si sono formate due piccole colate laviche, l’una in direzione Valle del Bove e l’altra in direzione sud-ovest – L’Etna non smette di dare spettacolo. (NewSicilia)

Le sorgenti del tremore risultano localizzate al di sotto del Cratere di Bocca Nuova, intorno ai 2500 m sopra il livello del mare. I segnali infrasonici mostrano una lieve ma significativa variazione sia nel tasso di accadimento che nell’energia rilasciata e risultano principalmente localizzati in corrispondenza del Cratere di SE (95047)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr